sabato 30 agosto 2014

LA FELICITA' - RISPOSTE (Happiness - Feedback)






Basandovi sulle soluzioni sottoelencate, assegnatevi un punto per ogni risposta esatta ("felice") data a ciascun gruppo di domande.

1.

2.

3. a

4. c

5. c

6. b

7. a o

8.

9. d

10c

11. a

12. d

13. c

14. d

15. b


Se avete ottenuto due punti, o meno, non siete molto felici. 

Quattro punti sono già meglio e se siete arrivati a sei avete conosciuto molti momenti felici. 

Sette o più punti significano che siete decisamente felici. 


* Quella che segue è una descrizione delle caratteristiche emergenti dalle risposte date al gruppo o ai gruppi di domande, dove le risposte "esatte") indicano che voi possedete queste "felici" qualità.


La persona felice ama svolgere un lavoro utile e produttivo, sfruttando appieno le sue qualità (1). 

Ama aiutare la gente, ma non al punto da sacrificarsi (2). 

Di notte, sostengono gli studiosi, non trova generalmente difficoltà ad addormentarsi (3). 

Tende a essere autosufficiente, si trova bene sia in compagnia che solo (4, 13). 

E' generalmente una persona ordinata e puntuale (59).


Sebbene tollerante nei confronti dei difetti umani, la persona felice detesta la crudeltà e la smania distruttiva (6). 

Gode di buona salute (7), non si pone grossi problemi economici (11), rifiuta di prendere parte alla depressione altrui (8), né gli piace crogiolarsi nella propria (10). 

Quando deve scegliersi un/una partner, si orienterà sempre su una persona affine, in grado di capirlo: non cercherebbe mai l'avventura romantica e fatua (12). 

Come molte altre persone indaffarate e impegnate, si rende conto che i giorni volano, ma nel contempo gli sembra che settimane, mesi e anni non passino mai (14). 

Infine, la persona felice ha il desiderio di migliorarsi, diventare qualcuno (15).


LEGGI LE DOMANDE "Misuratevi la felicità"




LA FELICITÀ - DOMANDE (Happiness - Questions)


  
Misuratevi la felicità

Scegliete, tra le risposte date a ciascuna a domanda, quella che più si addice alla vostra situazione personale e alla vostra sensiblità. (E non lasciatevi tentare da quelle che sembrano le risposte più "felici": a volte non Io sono affatto, tranne che nella forma.) 
Se siete indecisi, potete sceglierne due, ma non di più.


1. Potendo scegliere, a quale dei lavori qui sotto indicati andrebbe la vostra preferenza?

a. Un incarico arduo e rischioso. In caso di successo, vi si aprirà una luminosa carriera. 

b. Un lavoro nel quale potreste riuscire senz'altro bene, perché si addice al vostro temperamento e alle vostre attitudini. 

cUn impiego modesto, che comporta contatti'quotidiani con una persona molto importante e influente.


2. Vi piace fare favori?

a. Si. Rifiuto raramente quando me li chiedono. 

b. Si, quando è conveniente e può realmente aiutare qualcuno. 

c. Non proprio. Ma mi sento obbligato quando sono in debito o in casi di forza maggiore.


3. Come descrivereste la qualità del vostro sonno?

a. dormo della grossa, ma ho qualche difficoltà per addormentarmi. 

b. Ho un sonno molto leggero: mi sveglio al minimo rumore. 

c. Ho un sonno profondo, ma ci metto molto prima di addormentarmi.


4. Ci sono momenti in cui provate il bisogno di restarvene soli?

a. Certamente. I miei momenti di maggiore tranquillità e creatività sono proprio quelli in cui sono solo.

b. No. Mi piace avere continuamente gente intorno. 

c. No. La solitudine non mi dispiace, ma non posso dire di sentirne il bisogno.


5. Ritenete importanti I'ordine e la pulizia attorno a voi?

a. Molto importanti. Posso sopportare il disordine e la sciatteria altrui, ma non per quanto riguarda me stesso. 

b. Importanti. Infatti mi piacerebbe essere piri ordinato. 

cNon essenziali. Sono abbastanza curato nella persona, ma non mi preoccupano molto il disordine e la confusione. 

d. Di nessuna importanza. Preferisco trovarmi in un ambiente disordinato in compagnia di gente rilassata e distesa, piuttosto che stare in una casa tirata a lucido tra persone tese e preoccupate.


6. Quali, tra le seguenti caratteristiche, non vorreste mai riscontrare in un amico? Che fosse...

a. Affettato e presuntuoso. 

bSpaccone e crudele nei confronti di chi non può prendersi la rivincita. 

cInsensibile, aggressivo, maleducato.


7. Negli ultimi sei mesi, quante volte siete rimasti a casa per ragioni di salute?

a. Mai. 

b. Una. 

c. Due o più.


8. Una persona che vi è cara ha avuto un grosso dispiacere: per esempio, la morte di un parente. Qual è stata la vostra reazione?

a. Cercare di consolarla e rialzarle il morale. 

b. Tentare di mettermi nei suoi panni: provare cioè Io stesso dolore che prova lei. 

c. Farle sapere che mi dispiace, ma continuare a comportarmi con lei normalmente.


9. Siete puntuali?

a. Molto puntuale. Ho un senso molto preciso del tempo. 

b. Generalmente, poco puntuale. Anche se mi muovo in anticipo, non riesco mai ad arrivare in tempo agli appuntamenti. 

c. Dipende. Sono puntuale per certe cose, meno per altre.

d. Piuttosto puntuale. Arrivo più o meno in tempo agli appuntamenti.


10. Per quanto tempo serbate rancore con chi è stato scortese?

a. A Ìungo. Non dimentico facilmente gli sgarbi. 

b. Non serbo mai rancore: secondo me, è un controsenso. 

c. Non per molto tempo. Mi irrito, ma raramente arrivo a provare rancore. La mia rabbia non dura a lungo, ma evito poi di incontrare quella persona.


11. Ereditate una grossa fortuna. Qual è la vostra reazione?

a. Mi sentirei al settimo cielo! 

bMi creerebbe non pochi problemi, ma l'accetterei lo stesso. 

c. Sarei molto preoccupato, perché significherebbe cambiare vita.


12. Che cosa ritenete più attraente nel partner?

a. L'aspetto fisico. 

b. La ricchezza. 

c. L'intelligenza. 

d. La comunanza d'interessi. 

e. L'attrazione sessuale. 

f. La capacità di comprendermi.


13. Come descrivereste la vostra vita di relazione?

a. Tendo a frequentare una ristretta cerchia di amici. 

b. Ho una vita sociale intensa e conosco centinaia di persone. 

c. Ho moltissimi amici ma non Ii frequento molto. Lego con facilità con chiunque.


14. Con quale di queste affermazioni vi sentite di consentire?

a. Il tempo passa in fretta, quasi in un baleno.

b. Il tempo trascorre lentamente. 

c. I giorni sono lunghi a passare, non le settimane e i mesi.

d. I giorni volano, le settimane e i mesi non passano mai.


15. Rispetto alle vostre aspettative per il futuro, come definireste la vostra vita attuale, sotto l'aspetto personale e familiare, nel lavoro e con gli amici?

a. Eccellente! Davanti a me si prospetta un roseo futuro. 

b. Discretamente buona. Non sarà il massimo, ma mi soddisfa perché so che migliorerà costantemente. 

c. Normale. Ma devo lottare per un futuro migliore. 

d. Dipende. A volte sono in pace con me stesso, altre no.




mercoledì 27 agosto 2014

VIOLENZA (Violence) - Gabriele Mucchi

Violenza (1976) 
olio su tela cm 60 x 50



La morte di Pasolini ci ha colpito profondamente. 
Mucchi ha affidato a molti disegni la sua emozione 
e un'interpretazione critica del tragico avvenimento. 
Di lì è nata la tela  "Vittime e carnefici". 
Parallelamente qui una scena di aspra violenza fra uomini, 
che potrebbe anche essere la lotta fra Caino ed Abele.



VEDI ANCHE ...






MADRE DI PARTIGIANO (Mother of partisan) - Gabriele Mucchi

Madre di.partigiano (1964)
Olio su tela cm 74 x 97

Il pittore ha dipinto una serie di tele e disegnato molti fogli sul tema della madri 
che trova il figlio partigiano morto e lo copre con un sudario.
La stessa scena ricorre in un quadro sulla morte di Pasolini. 
Sono moderne Pietà, nelle quali è espressa 
anche la condanna dell'ingiustizia e della violenza.




GAS LACRIMOGENI (Tear gas) - Gabriele Mucchi

Gas lacrimogeni (1973) 
Olio su tela cm 70 x 64 

Il tema delle lotte di strada viene ripreso dopo vent'anni, 
quando i conflitti politici e sociali di cui sono protagoniste le giovani generazioni, 
studenti e operai, esplodono. nelle nostre città. 
La drammaticità della scena non esclude in questa tela 
e in altre simili un uso liricamente espressivo del colore.



LEGITTIMA DIFESA (Self-defense) - Gabriele Mucchi

Legittima difesa (1950)
Collezione privata
Olio su tela cm 75 x 91

 Questo  dipinto è il più importante di una serie di otto o dieci, 
intitolati anche "Lotta di strada" eseguiti negli anni 50, 
alcuni ripresi negli anni successivi. 
La violenza della scena, rappresentata con mezzi scarni ma fortemente espressivi, 
ha acceso di colori nuovi la tavolozza del pittore.


NELLE CANTINE DI MILANO (In the cellars of Milan) - Gabriele Mucchi

Nelle cantine di Milano (1950)
Olio su tela cm 70 x 100

Scrittori e artisti nel 1950 visitarono molte case milanesi nelle cui cantine, 
a cinque anni dalla fine della guerra, abitavano ancora i senzatetto. 
Fu poi fatta una mostra per richiamare alla necessità della ricostruzione. 
Mucchi ha dipinto questa, che potrebbe anche essere una classica 'Maternità.


NATURA MORTA CON PANNO (Still life with cloth) - Gabriele Mucchi

Natura morta con panno pendente (1939) 
Olio su tela cm 35 x 46 


Delle nature morte di Gabriele Mucchi, G.C. Vigorelli scriveva nel 1942: 
"L'unità degli oggetti è conseguita in forza di una legge, che è l'umiltà e il rispetto. 
Il cuore e la mente stabiliscono sulle cose create,
ricreandole, una conferma cordiale. 
Mucchi fa degli oggetti una presenza festevole, 
un motivo della sua fede onesta e della sua felicità".




I MUSICANTI DI BREMA (The Musicians of Bremen) Fiaba dei Fratelli Grimm (Statua di Gerhard Marcks)



I musicanti di Brema (in tedesco Die Bremer Stadtmusikanten) è una fiaba tedesca narrata dai fratelli Jacob e Wilhelm Grimm.

È notissima la fiaba dei quattro animali che, per sfuggire ad una sorte avversa, si allontanano dai loro padroni e decidono di formare una singolare orchestra di suonatori ambulanti. La città di Brema, in Germania, li ha voluti ricordare con una graziosa scultura in bronzo di Gerhard Marcks, posta a fianco del portone occidentale del vecchio Municipio.


Un uomo aveva un asino che per parecchi anni aveva, di buona voglia, portato i sacchi al mulino, ma ormai s'era fatto vecchio e debole, sicché diventava di giorno in giorno meno buono al lavoro. Il padrone già pensava di risparmiar la spesa della biada levandolo dal mondo, sicché l'asino, fiutato il vento cattivo, un bel giorno scappò e si mise in via per andare a Brema.
"Laggiù - pensava - potrò far parte della musica cittadina".
Dopo un po'di strada trovò un cane da caccia che ansava come uno che ha fatto una gran corsa.
- Ehi là, mastro Addenta! - domandò l'asino. - Com'è che sei così ansante?
- Son vecchio - rispose il cane - e m'indebolisco un giorno più dell'altro, tanto che non posso più neppure andare a caccia, e siccome il mio padrone mi voleva ammazzate, sono scappato via; ma ora come farò a guadagnarmi il pane?
- Senti - disse l'asino - io vado a Brema per iscrivermi nella banda civica. Vieni con me e soneremo insieme: io il mandolino e tu il tamburo.
II cane fu contento e andarono avanti insieme. Non erano andati molto che incontrarono un gatto che se ne stava a sedere mogio mogio lungo la via, con un muso da funerale.
- Ohé, Baffilustri! - disse l'asino. - Che t'è successo che sei così di malumore?
- E potrei esser di buon umore con la disgrazia che mi aspetta? - rispose il gatto. - Siccome sto invecchiando e i denti mi si spuntano e sto a far le fusa sulla stufa a piuttosto di andare a caccia dei topi, la mia padrona mi voleva affogare. Io son riuscito a scappar via, ma ora dove me ne devo andare?
- Vieni a Brema con noi: tu t'intendi di musica notturna, potrai ben fare il bandista.
Al gatto piacque la proposta e andò con quegli altri due. Presto i tre fuggiaschi arrivarono a un castello e lì, davanti al portone, un galletto cantava a perdifiato.
- O Testarossa - disse l'asino - tu strilli da levar di cervello. O che hai?
- Annunzio il tempo buono, - rispose il gallo, - perché oggi è il giorno che la Madonna ha lavato le camicine al Bambino Gesù e le vuole asciugare; domani è domenica, ci saranno degli invitati, e la padrona, senza pietà, ha detto alla cuoca che domani mi metta in pentola e stasera mi tiri il collo. Per questo oggi grido con tutta l'anima per l'ultima volta.
- O senti, Testarossa - gli disse allora I'asino - vuoi venir con noi, invece? Noi si va a Brema: e tu del resto, qualcosa meglio della morte lo troverai dappertutto. Tu hai una bella voce, e quando saremo tutt'insieme faremo un'orchestra stupenda.
Il gallo si persuase e se ne andarono tutti e quattro.
In una giornata però non potevano arrivare alla città, e verso sera si trovarono in un bosco dove pensarono di passar la notte. L'asino e il cane si sdraiarono sotto un grand'albero, il gatto e il gallo andarono sui rami, ma il gallo, per esser più sicuro, volò proprio in vetta in vetta.
Prima di addormentarsi, il gallo si guardò intorno da tutte le parti e gli sembrò di vedere un lumicino lontano lontano, sicché gridò ai suoi compagni che in quei pressi ci doveva essere una casa, giacché si vedeva luce. Allora l'asino disse:
- Alziamoci dunque e andiamo laggiù, perché questo qui non è un gran bell'alloggio davvero!
Il cane per conto suo pensò che qualche osso con un po' di carne attaccata gli avrebbe fatto proprio comodo, sicché si misero tutti in via nella direzione della luce. E la luce diventò sempre più grande e più chiara, finchè arrivarono davanti ad una casa di briganti molto ben illuminata.
L'asino, essendo il più grande, s'avvicinò alla finestra e guardò dentro.
- Che cosa vedi tu, nobil destriero? - domandò il gallo.
- Che cosa vedo? Una tavola apparecchiata e imbandita con ogni ben di Dio e, torno torno a sedere, ci son dei briganti che se la godono.
Davvero! Se ci fossimo noi invece di loro!
Le bestie tennero consiglio sul modo di scacciar i briganti da quella casa e, alla fine, il mezzo lo trovarono.
L'asino si mise alla finestra con le due zampe davanti; il cane montò sulla schiena dell'asino; il gatto s'arrampico sul cane, e il gallo volò su tutti e si mise sulla testa del gatto. Appena fatto questo, a un dato segnale, i quattro musicanti cominciarono la loro musica: l'asino ragliò, il cane abbaiò, il gatto miagolò e il gallo cantò; poi si precipitarono nella stanza con tale impeto da far trillare tutti i vetri della finestra. A quel frastuono i briganti balzarono in piedi spaventati credendo che fossero entrati gli spettri in casa e scapparon via per la foresta come avessero le ali.
Allora i quattro amici si misero a tavola a far onore a quel. ch'era rimasto: e mangiarono con tanta avidità come se avessero dovuto imbottirsi lo stomaco per un mese. Poi spensero i lumi e cercarono un posto per dormire, ognuno secondo la sua natura. L'asino si sdraiò sul concime, il cane dietro la porta, il gatto sul fornello, accanto alla cenere calda, e il galletto si appollaiò sopra una trave: e stanchi com'erano del lungo cammino presto tutti s'addormentarono.
Dopo mezzanotte, i briganti videro che nella casa non c'era più luce e tutto pareva tranquillo, sicché il loro capo disse:
- Abbiamo fatto male a lasciarci prendere dalla paura.
E ordinò ad uno di andar ad ispezionare la casa.
Quello andò e trovò tutto tranquillo: s'avviò allora in cucina per accender un lume e subito vide gli occhi del gatto così lucenti che gli sembraron due carboni accesi, ma quando ci accostò un fiammifero per accenderlo, il gatto non volle saper di discorsi, gli si avventò al viso e lo coprì di graffi. Lui allora, pieno di paura, scappò e voleva svignarsela dalla porta di dietro, ma il cane ch'era lì sdraiato gli saltò addosso e gli addentò una gamba. Quando poi passò nel cortile sopra il concime, l'asino gli lasciò andare un bel calcio con la zampa di dietro, mentre il gallo, svegliato di soprassalto, gridava dall'alto della trave:- Chicchirichì!!
Il brigante andò via a rotta di collo, corse dal suo capo e raccontò:
- In casa c'è' una strega maledetta che mi ha dato una fiatata sulla faccia e poi mi ha sgraffiato con le sue lunghe dita; accanto alla porta c'è un uomo con un coltellaccio che mi ha fatto un buco in una gamba; nel cortile c'è sdraiato un coso nero che m'ha picchiato con una mazza di legno, e sul tetto c'è il giudice che urla:
- "Portatelo qui il brigante! Portatelo qui! Portatelo qui!". - Io naturalmente sono scappato via di corsa.
D'allora in poi i briganti non si fidaron più di tornare nella casa e i quattro bandisti di Brema ci si trovarono tanto bene che non vollero muoversi più.

Stretta la foglia e larga la via:
dite la vostra che ho detto la mia.


I quattro suonatori di Brema - Gerhard Mancks 
Presso il portone occidentale del vecchio Municipio di  Brema

Ecco i quattro simpatici musicanti protagonisti della nota fiaba dei fratelli Grimm riportata sopra - disposti "a piramide" e raffigurati nell'atto di effettuare il loro strano concerto: lo scultore, che ama la schematizzazione delle forme, ha saputo rappresentarli nei loro caratteri essenziali con vivacità ed umorismo: a me sembra di sentire un sonoro raglio, un potente latrato, un minaccioso miagolio, dominati da un allegro e squillante chicchirichììì.....

L'osservazione della realtà, come delle opere d'arte, si compie attraverso i sensi, che portano le impressioni al cervello per tradurle in idee e sentimenti.


Gerhard Marcks (Berlino, 18 febbraio 1889 – Darmstadt, 13 novembre 1981), è stato professore nelle scuole di Belle Arti a Weimar, Amburgo e Colonia. Autorevole rappresentante dell'espressionismo tedesco del dopoguerra, si è imposto per aggraziate figure giovanili e per divertenti sculture di animali, trattate con aperto umorismo, anche se con scarso senso plastico. Durante la prima guerra mondiale ha servito l'esercito tedesco, ciò gli ha causato dei problemi di salute a lungo periodo. Quando Walter Gropius fondò la Bauhaus nel 1919 fu chiamato come insegnante. Durante il periodo nazista fu collocato tra gli artisti degenerati.

Afrodisiaco (1) Aglietta (1) Albani (2) Alberti (1) Alda Merini (1) Alfieri (4) Altdorfer (2) Alvaro (1) Amore (2) Anarchici (1) Andersen (1) Andrea del Castagno (3) Andrea del Sarto (4) Andrea della Robbia (1) Anonimo (2) Anselmi (1) Antonello da Messina (4) Antropologia (7) APPELLO UMANITARIO (5) Apuleio (1) Architettura (4) Arcimboldo (1) Ariosto (4) Arnolfo di Cambio (2) Arp (1) Arte (4) Assisi (1) Astrattismo (3) Astrologia (1) Astronomia (3) Attila (1) Aulenti (1) Autori (7) Avanguardia (11) Averroè (1) Baccio della Porta (2) Bacone (2) Baldovinetti (1) Balla (1) Balzac (2) Barbara (1) Barocco (1) Baschenis (1) Baudelaire (2) Bayle (1) Bazille (4) Beato Angelico (6) Beccafumi (3) Befana (1) Bellonci (1) Bergson (1) Berkeley (2) Bernini (1) Bernstein (1) Bevilacqua (1) Biografie (11) Blake (2) Boccaccio (2) Boccioni (2) Böcklin (2) Body Art (1) Boiardo (1) Boito (1) Boldini (3) Bonheur (3) Bonnard (2) Borromini (1) Bosch (4) Botanica (1) Botticelli (7) Boucher (9) Bouts (2) Boyle (1) BR (1) Bramante (2) Brancati (1) Braque (1) Breton (3) Brill (2) Brontë (1) Bronzino (4) Bruegel il Vecchio (3) Brunelleschi (1) Bruno (2) Buddhismo (1) Buonarroti (1) Byron (2) Caillebotte (2) Calcio (1) Calvino (2) Calzature (1) Camillo Prampolini (1) Campanella (4) Campin (1) Canaletto (4) Cancro (2) Canova (2) Cantù (1) Capitalismo (3) Caravaggio (19) Carlevarijs (2) Carlo Levi (3) Carmi (1) Carpaccio (3) Carrà (1) Carracci (4) Carriere (1) Carroll (1) Cartesio (3) Casati (1) Cattaneo (1) Cattolici (1) Cavalcanti (1) Cellini (2) Cervantes (3) Cézanne (19) Chagall (3) Chardin (4) Chassériau (2) Chaucer (1) CHE GUEVARA (1) Cialente (1) Cicerone (8) Cimabue (4) Cino da Pistoia (1) Città del Vaticano (3) Clarke (1) Classici (26) Classicismo (1) Cleland (1) Collins (1) COMMUNITY (2) Comunismo (28) Condillac (1) Constable (4) Copernico (2) Corano (1) Cormon (2) Corot (9) Correggio (4) Cosmesi (1) Costa (1) Courbet (9) Cousin il giovane (2) Couture (2) Cranach (3) Crepuscolari (1) Crespi (2) Crespi detto il Cerano (1) Creta (2) Crispi (1) Cristianesimo (3) Crivelli (2) Croce (1) Cronin (1) Cubismo (1) CUCINA (9) Cucina friulana (2) D'Annunzio (1) Dadaismo (1) Dalì (5) Dalle Masegne (1) Dante Alighieri (8) Darwin (2) Daumier (6) DC (1) De Amicis (1) De Champaigne (2) De Chavannes (1) De Chirico (4) De Hooch (2) De La Tour (4) De Nittis (2) De Pisis (1) De' Roberti (2) Defoe (1) Degas (16) Del Piombo (4) Delacroix (6) Delaroche (2) Delaunay (2) Deledda (1) Dell’Abate (2) Derain (2) Descartes (2) Desiderio da Settignano (1) Dickens (8) Diderot (2) Disegni (2) Disegni da colorare (10) Disegni Personali (2) Disney (1) Dix (3) Doganiere (5) Domenichino (2) Donatello (4) Donne nella Storia (42) Dossi (1) Dostoevskij (7) DOTTRINE POLITICHE (75) Dova (1) Du Maurier (1) Dufy (3) Dumas (1) Duprè (1) Dürer (9) Dylan (2) Ebrei (9) ECONOMIA (7) Edda Ciano (1) Edison (1) Einstein (2) El Greco (9) Eliot (1) Elsheimer (2) Emil Zola (3) Energia alternativa (6) Engels (10) Ensor (3) Epicuro (1) Erasmo da Rotterdam (1) Erboristeria (7) Ernst (3) Erotico (1) Erotismo (4) Esenin (1) Espressionismo (3) Etruschi (1) Evangelisti (3) Fallaci (1) Fantin-Latour (1) Fascismo (26) Fattori (4) Faulkner (1) Fautrier (1) Fauvismo (1) FAVOLE (2) Fedro (1) FELICITÀ (1) Fenoglio (2) Ferragamo (1) FIABE (6) Fibonacci (1) Filarete (1) Filosofi (1) Filosofi - A (1) Filosofi - F (1) Filosofi - M (1) Filosofi - P (1) Filosofi - R (1) Filosofi - S (1) FILOSOFIA (55) Fini (1) Finkelstein (1) Firenze (1) Fisica (5) Fitoterapia (10) Fitzgerald (1) Fiume (1) Flandrin (1) Flaubert (4) Fogazzaro (2) Fontanesi (1) Foppa (1) Foscolo (6) Fougeron (1) Fouquet (4) Fra' Galgario (2) Fra' Guglielmo da Pisa (1) Fragonard (9) Frammenti (1) Francia (2) François Clouet (2) Freud (1) Friedrich (5) FRIULI (8) Futurismo (3) Gadda (2) Gainsborough (14) Galdieri (1) Galilei (2) Galleria degli Uffizi (1) Gamberelli (1) Garcia Lorca (1) Garcìa Lorca (1) Garibaldi (2) Gassendi (1) Gauguin (17) Gennaio (1) Gentile da Fabriano (2) Gentileschi (2) Gerard (1) Gérard (1) Gérard David (2) Géricault (7) Gérôme (2) Ghiberti (1) Ghirlandaio (2) Gialli (1) Giallo (1) Giambellino (1) Giambologna (1) Gianfrancesco da Tolmezzo (1) Gilbert (1) Ginzburg (1) Gioberti (1) Giordano (3) Giorgione (15) Giotto (12) Giovanni Bellini (10) Giovanni della Robbia (1) Giovanni XXIII (8) Giustizia (1) Glossario dell'arte (19) Gnocchi-Viani (1) Gobetti (1) Goethe (9) Gogol' (2) Goldoni (1) Gončarova (2) Gorkij (3) Gotico (1) Goya (11) Gozzano (2) Gozzoli (1) Gramsci (4) Grecia (2) Greene (1) Greuze (4) Grimm (2) Gris (2) Gros (7) Grosz (3) Grünewald (5) Guadagni (1) Guardi (6) Guercino (1) Guest (1) Guglielminetti (1) Guglielmo di Occam (1) Guinizelli (1) Gutenberg (2) Guttuso (4) Hals (3) Hawthorne (1) Hayez (4) Heckel (1) Hegel (6) Heine (1) Heinrich Mann (1) Helvétius (1) Hemingway (3) Henri Rousseau (3) Higgins (1) Hikmet (1) Hobbema (2) Hobbes (1) Hodler (1) Hogarth (4) Holbein il Giovane (4) Hugo (1) Hume (2) Huxley (1) Il Ponte (2) Iliade (1) Impressionismo (85) Indiani (1) Informale (1) Ingres (7) Invenzioni (31) Islam (5) Israele (1) ITALIA (2) Italo Svevo (5) Jacopo Bellini (4) Jacques-Louis David (9) James (1) Jean Clouet (2) Jean-Jacques Rousseau (3) Johns (1) Jordaens (2) Jovine (3) Kafka (3) Kandinskij (4) Kant (9) Kautsky (1) Keplero (1) Kierkegaard (1) Kipling (1) Kirchner (4) Klee (3) Klimt (4) Kollwitz (1) Kuliscioff (1) Labriola (2) Lancret (3) Land Art (1) Larsson (1) Lavoro (2) Le Nain (3) Le Sueur (2) Léger (2) Leggende (1) Leggende epiche (1) Leibniz (1) Lenin (7) Leonardo (43) Leopardi (3) Letteratura (22) Levi Montalcini (1) Liala (1) Liberalismo (1) LIBERTA' (28) LIBRI (23) Liotard (5) Lippi (5) Locke (4) Lombroso (1) Longhi (3) Lorenzetti (3) Lorenzo il Magnifico (1) Lorrain (5) Lotto (6) Luca della Robbia (1) Lucia Alberti (1) Lucrezio (2) Luini (2) Lutero (3) Macchiaioli (1) Machiavelli (10) Maderno (1) Magnasco (1) Magritte (4) Maimeri (1) Makarenko (1) Mallarmé (2) Manet (14) Mantegna (8) Manzoni (4) Maometto (4) Marcks (1) MARGHERITA HACK (1) Marquet (2) Martini (7) Marx (17) Marxismo (9) Masaccio (7) Masolino da Panicale (1) Massarenti (1) Masson (2) Matisse (6) Matteotti (2) Maupassant (1) Mauriac (1) Mazzini (5) Mazzucchelli detto il Morazzone (1) Medicina (4) Medicina alternativa (23) Medicina naturale (17) Meissonier (2) Melozzo da Forlì (2) Melville (1) Memling (4) Merimée (1) Metafisica (4) Metalli (1) Meynier (1) Micene (2) Michelangelo (11) Mickiewicz (1) Millais (1) Millet (4) Minguzzi (1) Mino da Fiesole (1) Miró (2) Mistero (10) Modigliani (4) Molinella (1) Mondrian (4) Monet (14) Montaigne (1) Montessori (2) Monti (3) Monticelli (2) Moore (1) Morandi (4) Moreau (4) Morelli (1) Moretto da Brescia (2) Morisot (3) Moroni (2) Morse (1) Mucchi (16) Munch (2) Murillo (4) Musica (14) Mussolini (5) Mussulmani (5) Napoleone (11) Natale (8) Nazismo (17) Némirovsky (1) Neo-impressionismo (3) Neoclassicismo (1) Neorealismo (1) Neruda (2) Newton (2) Nietzseche (1) Nievo (1) Nolde (2) NOTIZIE (1) Nudi nell'arte (52) Odissea (1) Olocausto (6) Omeopatia (18) Omero (2) Onorata Società (1) Ortese (1) Oudry (1) Overbeck (2) Ovidio (1) Paganesimo (1) Palazzeschi (1) Palizzi (1) Palladio (1) Palma il Vecchio (1) Panama (1) Paolo Uccello (5) Parapsicologia (1) Parini (3) Parmigianino (3) Pascal (1) Pascoli (3) Pasolini (3) Pavese (3) Pedagogia (2) Pellizza da Volpedo (2) PERSONAGGI DEL FRIULI (30) Perugino (3) Petacci (1) Petrarca (4) Piazzetta (2) Picasso (8) Piero della Francesca (8) Piero di Cosimo (2) Pietro della Cortona (1) Pila (2) Pinturicchio (2) Pirandello (2) Pisanello (2) Pisano (1) Pissarro (10) Pitagora (1) Plechanov (1) Poe (1) Poesie (4) Poesie Classiche (18) POESIE di DONNE (2) Poesie personali (16) POETI CONTRO IL RAZZISMO (1) POETI CONTRO LA GUERRA (18) Poliziano (1) Pollaiolo (4) Pomodoro (1) Pomponazzi (1) Pontano (1) Pontormo (1) Pop Art (1) Poussin (9) Pratolini (1) Premi Letterari (3) Prévost (1) Primaticcio (2) Primo Levi (1) Problemi sociali (2) Procaccini (1) PROGRAMMI PC (1) Prostituzione (1) Psicoanalisi (1) PSICOLOGIA (5) Pubblicità (1) Pulci (1) Puntitismo (3) Puvis de Chavannes (1) Quadri (2) Quadri personali (1) Quarton (2) Quasimodo (1) Rabelais (1) Racconti (1) Racconti personali (1) Raffaello (20) Rasputin (1) Rauschenberg (1) Ravera (1) Ray (1) Razzismo (1) Realismo (3) Rebreanu (1) Recensione libri (15) Redon (1) Regina Bracchi (1) Religione (7) Rembrandt (10) Reni (4) Renoir (19) Resistenza (8) Ribera (4) RICETTE (3) Rimbaud (2) Rinascimento (3) RIVOLUZIONARI (55) Rococò (1) Roma (6) Romantici (1) Romanticismo (1) Romanzi (3) Romanzi rosa (1) Rossellino (1) Rossetti (1) Rosso Fiorentino (3) Rouault (1) Rousseau (3) Rovani (1) Rubens (13) Russo (1) Sacchetti (1) SAGGI (11) Salute (16) Salvator Rosa (2) San Francesco (5) Sannazaro (2) Santi (1) Sassetta (2) Scapigliatura (1) Scheffer (1) Schiele (3) Schmidt-Rottluff (1) Sciascia (2) Scienza (8) Scienziati (13) Scipione (1) Scoperte (33) Scoto (1) Scott (1) Scrittori e Poeti (24) Scultori (2) Segantini (2) Sellitti (1) Seneca (2) Sereni (1) Sérusier (2) Sessualità (5) Seurat (3) Severini (1) Shaftesbury (1) Shoah (7) Signac (3) Signorelli (2) Signorini (1) Simbolismo (2) Sindacato (1) Sinha (1) Sironi (2) Sisley (3) Smith (1) Socialismo (45) Società segrete (1) Sociologia (4) Socrate (1) SOLDI (1) Soldi Internet (1) SOLIDARIETA' (6) Solimena (2) Solženicyn (1) Somerset Maugham (3) Sondaggi (1) Sorel (2) Soulages (1) Soulanges (2) Soutine (1) Spagna (1) Spagnoletto (4) Spaventa (1) Spinoza (2) Stampa (2) Steinbeck (1) Stendhal (1) Stevenson (4) Stilista (1) STORIA (68) Storia del Pensiero (81) Storia del teatro (1) Storia dell'arte (123) Storia della tecnica (24) Storia delle Religioni (47) Stubbs (1) Subleyras (2) Superstizione (1) Surrealismo (1) Swift (3) Tacca (1) Tacito (1) Tasca (1) Tasso (2) Tassoni (1) Ter Brugghen (2) Terapia naturale (18) Terracini (1) Thomas Mann (6) Tiepolo (4) Tina Modotti (1) Tintoretto (8) Tipografia (2) Tiziano (18) Togliatti (2) Toland (1) Tolstoj (2) Tomasi di Lampedusa (3) Toulouse-Lautrec (5) Tradizioni (1) Troyon (2) Tura (2) Turati (2) Turgenev (2) Turner (6) UDI (1) Ugrešić (1) Umanesimo (1) Umorismo (1) Ungaretti (3) Usi e Costumi (1) Valgimigli (2) Van Der Goes (3) Van der Weyden (4) Van Dyck (6) Van Eyck (8) Van Gogh (15) Van Honthors (2) Van Loo (2) Vangelo (3) Velàzquez (8) Veneziano (2) Verdura (1) Verga (10) Verismo (10) Verlaine (5) Vermeer (8) Vernet (1) Veronese (4) Verrocchio (2) VIAGGI (2) Viani (1) Vico (1) Video (13) Vigée­-Lebrun (2) VINI (3) Virgilio (3) Vittorini (2) Vivanti (1) Viviani (1) Vlaminck (1) Volta (2) Voltaire (2) Vouet (4) Vuillard (3) Warhol (1) Watson (1) Watteau (9) Wells (1) Wilde (1) Winterhalter (1) Witz (2) Wright (1) X X X da fare (34) Zurbarán (3)