lunedì 24 giugno 2013

WILLIAM FAULKNER - Vita e opere (Life and Work)

William Faulkner
   
William Faulkner divenne celebre con un romanzo scritto per fare un po' di quattrini, fu acclamato come portabandiera di tutte le avanguardie letterarie, venne quindi dimenticato e sepolto come un . provinciale che aveva avuto già troppa gloria, fu infine riscoperto da un grande critico e lanciato alla conquista del premio Nobel; ma nessuno riuscì mai a trarlo dal fondo della sua scontrosa solitudine, del suo splendido isolamento.

Era un uomo del Sud, un antico aristocratico che respingeva in blocco il mondo moderno, il campione di una razza di cui si va smarrendo perfino il ricordo.
Chi ha letto anche uno solo dei suoi libri tortuosi e impossibili, aggrovigliati e stupendi, I'immagina come una specie di gigante nel cui sangue bollivano e si scontravano passioni violente, conflitti insanabili, tempeste da tragedia greca.
E invece era un tipo minuto, piccolo di statura, tutto pelle e ossa: un contadino del vecchio Sud che sognava a occhi aperti la meravigliosa epopea dei padri al tempo della guerra di Secessione e malediceva I'epoca in cui il destino lo costringeva a vivere.
Per lui la parola "onore" aveva il significato di un comandamento biblico, di un precetto assoluto che il Nord, mercantile e affarista, aveva calpestato, avvilendo la divinità dell'individuo in una religione nazionale delle viscere, nella quale l'uomo non ha doveri verso la propria anima 
E appunto per combattere contro questa che egli riteneva una degenerazione, fino all'ultimo dei suoi giorni si batté col furore di un cavaliere antico e la suprema follia di un Don Chisciotte moderno, convinto com'era, tra l'altro, che solo un grande fallimento, lo avrebbe laureato scrittore di statura universale.


LA CONTEA FAVOLOSA

Si chiamava William Faulkner ed era figlio di un allevatore di cavalli, poco meno che povero. Ma nel vecchio Sud dove aveva visto la luce, il Sud percorso dal gran fiume Mississippi, il nome che portava aveva ancora, durante la sua infanzia, un significato prestigioso. Infatti il suo bisnonno William Falkner (la u fu aggiunta in seguito al cognome) era stato uno degli eroi della guerra di Secessione, che aveva opposto il Sud aristocratico e tradizionalista al Nord mercantile e dinamico.
Comandante del 2° Reggimento di Fanteria del Mississippi, il colonnello Falkner aveva riempito delle sue gesta tutta la regione, diventando un personaggio leggendario.
Questo personaggio sconcertante, mezzo pioniere e mezzo avventuriero, non fu però soltanto un valoroso soldato. Toccò a lui, alla sua intraprendenza, costruire la prima ferrovia dello Stato.
Ma non basta. Fu anche scrittore. Pubblicò parecchi romanzi, tra cui uno, La rosa bianca di Memphis, ebbe un clamoroso successo presso il pubblico. E concluse infine la sua vita "inimitabile" con una morte violenta in duello: esattamente la morte che più si addiceva al personaggio che aveva cosi magnificamente impersonato.

Non c'è quindi da meravigliarsi che il pronipote ne idealizzasse la figura, ponendola al centro di alcune vicende romanzesche, tutte ambientate nella favolosa contea di Yoknapatawpha, che funge da sfondo alla maggior parte dei romanzi e dei racconti di Faulkner.
Nella trasposizione fantastica e mitizzata del suo cantore, l'eroico colonnello assume il nome di John Sartoris, e noi lo vediamo campeggiare, per esempio, nel romanzo Gli invitti, una delle opere più eloquenti dedicate da Faulkner al vecchio Sud.

Questo, tuttavia, non significa che Faulkner sia uno scrittore da "memorie di famiglia". Al contrario, egli non indulge mai alle tenerezze sentimentali dei ricordi, diretti o ereditati. La sua ambizione è di tutt'altra natura: è di "cantare" coralmente tutto intero il Sud, contrapponendo le sue antiche virtù ai vizi del Nord.
Yoknapatawpha è nome indiano; vuol dire "acqua che scorre attraverso la pianura". Di questa
contea immaginaria Faulkner fa il teatro di un'epopea che non ha I'eguale nella storia letteraria del Novecento.
È curioso e significativo il fatto che di Yoknapatawpha noi abbiamo notizie precise e minuziose forniteci dallo stesso Faulkner. Come è noto, di essa lo scrittore disegnò varie carte geografiche, su una delle quali, quasi a ribadire i diritti inviolabili della fantasia, scrisse: 
"William Faulkner, unico proprietario titolare".

Dunque Yoknapatawpha comprende un territorio di 2400 miglia quadrate e ospita complessivamente una popolazione di 15.611 anime, in gran parte contadini e boscaioli, di ciascuno dei quali idealmente Faulkner conosce a memoria vita, morte e miracoli, come si suol dire. Ecco perché può raccontarne le gesta senza preoccuparsi di ordinare i fatti in una precisa successione cronologica, anzi mescolando a bella posta passato, presente e futuro.
Capitale della contea è Jefferson, una tipica cittadina del Sud, che per certi aspetti può ricordare Oxford, nel Mississippi, dove Faulkner visse da ragazzo, ma eretta a simbolo di tutto un mondo perduto, che la fantasia del romanziere ricrea col disperato amore delle cose troppo a lungo sognate e idealizzate.


UNA VITA DA ROMANZO

Nella immaginaria contea di Yoknapatawpha non figura, anagraficamente, il cittadino William Faulkner, che risulta nato a New Albany, il 25 settembre 1897.
Ma se mai una persona reale dovesse entrare nella favola romanzesca di Jefferson e dintorni, questa persona non potrebbe essere altra che lo stesso Faulkner.
Se appena consideriamo a grandi linee la sua vita, William Faulkner ci appare come un vero e proprio personaggio da leggenda, che si colloca bene solamente nel clima teso e un poco allucinato di Jefferson. Qui egli respira a proprio agio e cammina tra la gente, sicuro che nessuno gli chiederà mai se il tale o il tal altro episodio che gli piace raccontare di sé sia vero o sia falso. Potrà sembrare strano per un autore così celebre, ma la verità è che non esiste una sola biografia dello scrittore che sia completamente veritiera.
Tutti i biografi hanno aggiunto qualcosa al ritratto del personaggio Faulkner, senza che l'interessato abbia battuto ciglio e abbia cercato in qualche modo di correggere errori, denunciare inesattezze.
"L'importante è che parlino di me" ebbe a dichiarare una volta cinicamente. Ma in realtà la sua
non era niente altro che una suprema indifferenza per le chiacchiere della gente.
Non a caso, del resto, Faulkner non si è mai preoccupato di leggere che cosa scrivevano i critici dei suoi libri.

"Io non leggo niente dei contemporanei - precisò a un giornalista che lo intervistava dopo il conferimento del premio Nobel, nel 1950. - Io sono un contadino. Vivo in provincia, nella mia fattoria, e allevo cavalli come mio padre. Se sento il bisogno di aprire un libro, prendo un classico. Shakespeare, per esempio. E mi basta".

In un certo senso, era vero. Guai però a prenderlo in parola, a credergli alla lettera. Dietro la sua scontrosa facciata contadina Faulkner era un letterato agguerritissimo, che coscientemente aveva frantumato il grande romanzo ottocentesco per giungere a penetrare al di là dell'apparenza delle cose, per portare avanti il discorso iniziato da scrittori d'avanguardia come James Joyce, il "profeta" del "monologo interiore" e del "flusso della coscienza". Ma tutto questo non accadde subito né tutto d'un colpo.
Lettore disordinato, insofferente d'ogni disciplina, Faulkner si formò la propria cultura al modo tipico degli autodidatti, imparando molto dalla vita e poco dai libri, almeno finché non ebbe trovato ciò che cercava. 
Allora partì a galoppo sfrenato, come un cavallo di razza; e nessuno lo fermò. Solo la morte ebbe il potere di arrestare per sempre il suo cammino.


GLI ANNI DELLA MATURAZIONE

William Faulkner non compì studi regolari. A Oxford, nel Mississippi, dove suo padre si trasferì
con la famiglia quando egli era ancora bambino, frequentò svogliatamente le scuole pubbliche,
senza però giungere a conseguire iI diploma che gli avrebbe consentito di iscriversi all'università.
Fannullone per istinto e ficcanaso per vocazione, piuttosto di seguire lezioni, che non lo interessavano minimamente, preferiva andarsene in giro per la città ad ascoltare i discorsi della gente.
Ben presto, suo padre dovette cominciare a preoccuparsi di quel figlio lunatico e scansafatiche, che non prometteva nulla di buono. Ma non ci fu modo di raddrizzarlo e di metterlo sulla giusta via. Cosi, senza arte né parte, il futuro romanziere arrivò ai vent'anni.

A questo punto, un intervento esterno giunse opportunamente a salvare dall'accidia il pronipote
del colonnello Falkner, che si scoprì a un tratto un sangue guerriero nelle vene. Forse solo per evadere dalla noia di Oxford, forse per compiere anche lui qual- che impresa grande o forse per tutti e due questi motivi insieme, il giovane decise di andare a combattere in Europa, sui fronti insanguinati della prima guerra mondiale. 
Ma con quale divisa gettarsi nella lotta? 
Un sudista arrabbiato come lui non poteva certo accettare I'uniforme degli Stati Uniti. E allora? 
William Faulkner saltò l'ostacolo psicologico arruolandosi volontario nell'aviazione canadese che a sua volta, dopo un periodo d'istruzione, Io trasferì nella Royal Air Force britannica.

Era fatta. Compiuto l'indispensabile tirocinio, l'aviatore William Faulkner sbarcò in Francia, sognando di conquistarsi la gloria sui campi di battaglia. Qui, purtroppo, l'armistizio Io colse prima che avesse potuto cimentarsi in una sola vera azione di guerra.
Un altro avrebbe accettato la beffa del destino. Lui no. In un momento di furore, balzò su un apparecchio da caccia, si librò nel cielo, e al termine di una serie di pazze acrobazie mandò I'aereo a sfasciarsi rovinosamente su uno dei margini del campo di aviazione. 
L'avventura era finita. Seriamente ferito, ubriaco di gin, William Faulkner fu estratto dai rottami fumanti dell'apparecchio e trasportato in ospedale.
Una volta guarito, venne poi rimandato a Oxford, dove non gli riuscì difficile atteggiarsi a eroe.
Ma c'era sempre il problema del futuro che lo assillava. Approfittando del fatto che ai reduci non veniva richiesto alcun diploma, si iscrisse all'università, frequentò i corsi, parve mettere la testa a posto. Era però solo una fiammata passeggera: decisamente, non era tagliato per gli studi regolari.
E ricominciò la vita scioperata di un tempo. Per aggiungere qualche soldo al magro mensile che gli passava il padre, Faulkner si adattava a fare i più svariati mestieri.
Fu imbianchino, operaio in una fabbrica di falci, spalatore di carbone. Intanto, quasi di nascosto, scriveva poesie e racconti che inviava, pieno di speranza, a tutte le riviste degli Stati Uniti e che regolarmente gli venivano respinti.

In quest'epoca Faulkner era di una magrezza impressionante, si lasciava crescere sul volto una barba spettrale, fumava la pipa, e appena aveva qualche soldo in tasca correva a ubriacarsi. Molti lo ritenevano pazzo, nessuno era disposto a considerarlo dei tutto sano di mente. Invece era soltanto un giovane che cercava disperatamente di capire se stesso.


UNA STORIA DA FINIRE IN GALERA

Un giorno, stanco di Oxford, dove nessuno era disposto a prendere sul serio le sue manie letterarie, Faulkner raccolse le sue poche robe in una valigia e se ne andò a New York in cerca di fortuna. Qui però fu peggio che al Sud.
Alla disoccupazione, alla fame, si aggiunsero infatti un clima e un ambiente che il giovane assolutamente non riusciva a sopportare. Per un po' di tempo si mantenne con l'unico impiego che gli venne offerto, quello di commesso in una libreria, poi trovò ridicolo sfacchinare per nulla e abbandonò la grande metropoli, raggiungendo a New Orleans il celebre scrittore Sherwood Anderson, che pareva disposto a dargli credito.
Fu una decisione importante in una vita piena di stravaganze.
Anderson stese una mano al giovane amico squattrinato, lo incoraggiò, gli diede dei buoni consigli, lo aiutò a pubblicare le prime poesie e i primi racconti.
Era I'inizio delta gloria? Neanche per sogno. Faulkner non piaceva al pubblico e non interessava i critici. La sua prima raccolta di versi fu un fiasco clamoroso e nella più assoluta indifferenza cadde il suo primo romanzo La paga del soldato che merita di essere qui ricordato perché è l'unico libro di narrativa in cui il futuro cantore di Yoknapatawpha si adatta a un modo di raccontare semplice, tradizionale. 
Il fallimento letterario, comunque, non rimase senza echi nel cuore di Faulkner, che ancora una volta decise di ricominciare da capo. Ed eccolo lasciare New.Orleans e imbarcarsi come mozzo su una nave diretta in Europa, lui che pure non amava il mare.
Erano gli anni in cui i migliori artisti americani cercavano I'evasione in terra di Francia. Ma Faulkner non seguì questa strada. Si fermò in Italia, sul lago Maggiore, e vi trascorse parecchi
mesi facendo il contadino. Quando fu sazio di questa nuova esperienza, si trasferì nella capitale francese, dove.tuttavia frequentò assai raramente gli ambienti letterari. E infine scoccò llora della nostalgia, del ritorno. 
William Faulkner riapparve a Oxford, la sua unica e vera patria. Aveva conosciuto del mondo quanto gli bastava per convincersi che I'unico posto dove potesse vivere era il suo Sud meraviglioso e povero, splendido e assurdo.
Ormai in pace con se stesso, Faulkner raccontò le sue esperienze di letterato nel mediocre libro Zanzare, che naturalmente non ottenne alcun successo; quindi, quasi senza accorgersene, trovò di colpo ciò che confusamente cercava da tempo scrivendo Sartoris, la storia mitizzata del fantastico colonnello Falkner, il bisnonno eroe e avventuriero.
Ma nemmeno quest'ultimo libro riusci a rompere il silenzio che pesava come una maledizione sull'opera del fannullone pazzo di Oxford. Perché i critici si accorgessero di lui, Faulkner dovette pubblicare ancora un romanzo, L'urlo e il furore, che sbalordì e scandalizzò per l'audacia del metodo usato nella narrazione.
Infatti la storia - una fosca storia del Sud - è ripresa dall'autore con immagini folgoranti, attraverso le confuse impressioni di un ragazzo sordomuto, un mezzo idiota che scambia continuamente tra di loro due persone che hanno lo stesso nome, creando così una specie di allucinante suspense.

A una prima lettura, questo straordinario romanzo riesce per buona parte incomprensibile, perché solo chi conosce in anticipo i fatti può orizzontarsi nel groviglio del racconto, che si scioglie e chiarifica soltanto alla fine.
Ma lo stile di Faulkner, la sua inconfondibile personalità di narratore, anzi quasi dovremmo dire di poeta, si dimostra proprio in questa tecnica esasperata, che troveremo poi, più o meno rigidamente applicata, in tutti i suoi romanzi posteriori. Del resto, non a caso egli un giorno ebbe a dichiarare che non conta, per uno scrittore, ciò che dice ai lettori, ma come lo dice.

A ogni modo, L'urlo e il furore segnò l'ingresso ufficiale di Faulkner tra gli scrittori d'avanguardia, tenuti in considerazione dai critici. Di tale successo, il giovane cercò di approfittare per conquistare il pubblico con un libro truculento, ideato apposta per fare un poco di quattrini, cosa di cui aveva urgente bisogno.
Egli buttò giù il "romanzaccio" in poco tempo, lo intitolò Santuario e lo inviò al suo editore.
Quest'ultimo non abboccò al tranello. Dopo, aver letto il manoscritto, si rifiutò di pubblicarlo, affermando brutalmente che non intendeva finire in galera per aver dato alle stampe un libro
osceno.


LA GLORIA E L'AMORE

Il fallimento del suo progetto convinse Faulkner che egli non avrebbe mài guadagnato soldi con
i libri. Perciò si diede da fare per ottenere un lavoro sicuro e I'ottenne alla centrale elettrica di Oxford, dove fu addetto alla manutenzione delle caldaie.
Era un impiego tranquillo, di tutto riposo. Per aver più tempo libero, Faulkner si fece assegnare il turno di notte durante il quale, senza essere disturbato da nessuno, scrisse un nuovo romanzo, Mentre morivo, che fu accolto bene dalla critica e completamente ignorato dal pubblico.
Ma ecco a un tratto la sorpresa.
Dopo averci ripensato, I'editore improvvisamente decise di correre il rischio di pubblicare Santuario, il cui manoscritto era rimasto in suo possesso. Senza nemmeno interpellare Faulkner, fece comporre il testo e mandò poi le bozze all'autore per la correzione.

Santuario racconta la storia di una ragazza, Temple Drake, a cui un feroce gangster, Popeye, usa violenza. Intorno a questo nucleo centrale, si snoda tutto un mondo di orrori che Faulkner racconta con una audacia incredibile. È vero: Popeye alla fine paga i suoi crimini con una condanna a morte, che gli viene inflitta per un delitto che non ha commesso, ma anche questa tardiva giustizia, in un certo senso, fa parte di un mondo senza redenzione, irrimediabilmente perduto.
Faulkner si mise in contatto con l'editore e ottenne di riscrivere il libro, impegnandosi in cambio a pagare le spese della stampa. Così, nel 1931, apparve in vetrina la nuova edizione del romanzo Santuario.
È basato su un'idea da poco, - disse allora Faulkner - ma, chissà, forse riuscirò a venderne diecimila copie. 
Invece si sbagliava. La battaglia, che da lungo tempo aveva ingaggiato per conquistare le simpatie del pubblico, era destino che la vincesse clamorosamente proprio con quello che considerava il peggiore e il più commerciale dei suoi libri, Santuario sconvolse gli Americani, li scandalizzò e affascinò insieme, li convinse di avere a torto ignorato un grande scrittore. 
Quasi interpretando il sentimento generale, un'opulenta matrona un giorno avvicinò lo scrittore e lo sommerse in un abbraccio soffocante. 
Signor Faulkner - gli disse - voi siete un genio. 
Il futuro premio Nobel rispose con un filo di voce: Signora, faccio quello che posso.

Intanto, con sorridente distacco, accettava la gloria che gli pioveva addosso. Diventato di colpo un autore alla moda, fu chiamato a Hollywood, cominciò a lavorare per il cinema, diede un addio definitivo alla miseria. Ma più che mai si sentiva legato al Sud. Così acquistò una grande casa, I'arredò con una magnificenza principesca, ne prese possesso come un vecchio aristocratico che rifiutava il miraggio del Nord. E vi condusse la donna che aveva sempre amato, la compagna d'infanzia Estelle Oldham.
Questa donna è l'unico amore che si conosca di William Faulkner.
La desiderava fin da quando era ragazzo, ma era troppo povero per poter osare di chiederla in sposa. Perciò si tenne in disparte e non batté ciglio quando lei prese marito e abbandonò Oxford. Ma non perse mai la speranza di raggiungerla, un giorno. E infatti fu così.
Estelle tornò a Oxford, vedova e con due figli da mantenere. Faulkner allora le rivelò i suoi antichi e immutabili sentimenti, la convinse a sposarlo, fece di lei la regina della sua casa, impazzì dalla gioia quando divenne padre di una bambina. E poi non pensò ad altro che a scrivere, ad allevare cavalli, a scapricciarsi in folli voli con I'aereo personale, che non tardò ad acquistare in omaggio ai sogni di gloria della gioventù.

Adesso i lettori non gli mancavano. Tuttavia, benché pubblicasse capolavori come Luce d'agosto e Oggi si vola, il colpo di Santuario, non gli riuscì più.
Ma che cosa importava? Quando aveva bisogno di quattrini, Faulkner ricorreva a Hollywood, al
cinema.
Poi, quasi a un tratto, qualcosa cambiò in America e la sua fama parve spegnersi. La seconda guerra mondiale seppellì letteralmente la sua opera, al punto che nel 1947 nemmeno una copia dei suoi libri si trovava ancora in commercio.
Fu allora che il critico Malcolm Cowley "riscoprì" Faulkner e rivelò agli Americani chi era in realtà il loro più grande narratore vivente. Ebbe inizio cosi la seconda giovinezza del solitario del Mississippi, che nel 1950 si vide proiettato sulla ribalta del mondo dal premio Nobel.
Si trattava però di un riconoscimento che ormai non poteva aggiungere più nulla alla sua fama.
Infatti Faulkner lo accolse con calma, presentandosi a Stoccolma come un vecchio contadino, stupito che la gente avesse preso tanto sul serio le sue n favole.
E continuò a scrivere, a raccontarci le storie meravigliose della immaginaria contea di Yoknapatawpha (salvo I'intermezzo del grande romanzo Una favola), finché un giorno di estate del 1962, e precisamente il 6 luglio, il suo cuore si fermò di colpo, mandandolo a raggiungere nell'immortalità il bisnonno Falkner-Sartoris, il leggendario colonnello che nella sua fantasia egli aveva visto sempre in sella, al galoppo nella polvere dell'eroico Sud.


LA SUA OPERA

A parte le poesie e il romanzo giovanile La paga del soldatotutta l'opera di William Faulkner
si presenta come un vasto poema che ha il suo punto di maggior splendore nel ciclo narrativo dedicato alla contea di Yoknapatawpha. Perciò il lettore che volesse accostarsi per la prima volta a questo suggestivo e sconcertante romanziere non ha che l'imbarazzo della scelta tra i molti titoli che le vengono offerti, da L'urlo e il furore a La città, da Santuario a Requiem per una monaca
Benché forse il suo capolavoro sia Luce d'agostoFaulkner è grande in tutti i libri che ha scritto, ciascuno dei quali possiede almeno delle pagine stupende. Ma è difficile accostarsi al
suo mondo, capire il suo stile tutto lampi e immagini, retorica e poesia. Per questo, la guida migliore per capire e apprezzare Faulkner è il grosso volume che alla sua opera ha dedicato il critico Malcolm Cowley. 
Questo libro, infatti, che s'intitola 664 pagine di William Faulknercomprende una ricca e varia antologia di scritti faulkneriani, tutti accuratamente scelti, ordinati e spiegati.
Dopo una così interessante introduzione, ciascuno potrà poi proseguire per conto proprio e accostarsi all'opera dello scrittore, perdendosi nell'affascinante giungla di tanti romanzi impossibili.



AMORE VINCITORE - Amor vincit omnia (Love as the winner) - Caravaggio



Amore vincitore (1598-1599)
Michelangelo Merisi detto il Caravaggio
Berlino, Staatliche Museen
Olio su tela cm  154 x 110 

In scattante e ambigua figura del ragazzino è un esempio del mondo dei vicoli da cui Caravaggio attinge modelli e spunti. L'immagine simboleggia la vittoria dell'amore sulle arti, qui rappresentate da libri e strumenti disposti in pittoresco disordine, a ennesima conferma della minuziosa cura di Caravaggio nella pittura di nature morte e della sua predilezione per i soggetti musicali.

Caravaggio abbandona le grandi macchine compositive cresciute sugli schemi rinascimentali; abbandona le convenienze della "pittura di istoria" allora in voga, elude le impalcature ideologiche di ogni accademia, e presenta nelle sue opere brani di vita quotidiana, colti nella verità schietta e semplice del loro farsi.
Un fanciullo che monda una pera, un fanciullo morso da un ramarro, una coppia di bari, una ragazza intenta ad asciugarsi i capelli..., ecco quello che oppone Caravaggio alle pompose macchine accademiche, motivi semplici realizzati in forme altrettanto semplici e vere; motivi immediati senza l'appoggio di disegni preparatori, senza la complessa elaborazione dei quadri di storie, senza avanti e senza indietro: una pittura in presa diretta, interessata solo a se stessa, ai suoi interni valori, alla sua verità più intima e segreta.

Il dionisiaco Amore vincitore dei musei di Berlino, molto raffinato nei particolari, è l'annuncio di un tempo nuovo, di scatti animati e di nuove tensioni.


VEDI ANCHE ...



IL PENSIERO FILOSOFICO E SCIENTIFICO NEL CINQUECENTO (The philosophical and scientific thought of the Sixteenth Century)

Martin Lutero

Riforma e Controriforma

Il Rinascimento è stato prosecuzione dell'Umanesimo e sua antitesi. Ne raccolse l'educazione letteraria, lo spirito laico, ma se ne distaccò nettamente nel campo del pensiero scientifico.

Mentre l'Umanesimo fu sostanzialmente antiscientifico, col Rinascimento inizia un'età nuova per la scienza. Non sarà un processo facile né privo di contraddizioni: alla spinta che viene da una società europea mercantile e capitalistica in espansione, che necessita in ogni campo, di strumenti nuovi, di una tecnica aggiornata e - soprattutto - di principi ideologici che ne riflettano la natura, si opporranno le vecchie incrostazioni culturali, lo spirito conservatore che ha nella Chiesa il suo più potente baluardo.

Con la chiesa il nuovo pensiero filosofico e scientifico dovrà fare i conti. Nel 1517 prende le mosse un movimento generale di protesta contro il potere ecclesiastico. Ne è capo Martin Lutero che con l'affissione nel Duomo di Wittemberg delle famose "95 tesi" denuncia la corruzione della Chiesa e lancia il suo appello per la Riforma.

Il movimento per la Riforma dilaga in tutta Europa: è una rivoluzione religiosa ma che ha al fondo forti motivazioni politiche e sociali. E' il rifiuto da parte degli Stati nazionali europei di riconoscere i diritti che su di essi accampa la Chiesa; è la rivendicazione individualistica - secondo lo spirito del Rinascimento - del libero esamedel ruolo della ragione anche nei rapporti con la fede.

La Chiesa affronterà la tempesta e vi reagirà vigorosamente, attorno alla metà del XVI secolo, con la Controriforma, consolidando la propria unità. L'Inquisizione funzionerà contro i reprobi, molti dei quali andranno al rogo o saranno perseguitati, come Giordano Bruno e Galilei. Ma la Riforma, pur se sconfitta, resta un segno dei tempi, della loro evoluzione: la Chiesa sarà costretta ad adeguarvisi.


La rivoluzione copernicana

 Nicolò Copernico
   
Un momento di grande importanza nella storia della scienza e del pensiero filosofico è costituito dall'opera di Nicolò Copernico.
Nato a Torun in Polonia net 1473, Copernico (italianizzazione del cognome Koppernigk) aveva studiato in diverse città italiane ed in particolare a Bologna, dove s'era dedicato all'astronomia. In questa disciplina egli impegnò l'intera sua esistenza di studioso.
Copernico ricercava una immagine più precisa, razionale e descrivibile dei cieli. Nel suo celeberrimo libro  De rivolutionibus orbium coelestium (Sulla rivoluzione dei mondi celesti),
pubblicato l'anno stesso della sua morte (1543) egli propose per primo la teoria eliocentrica che rappresentava l'Universo come un sistema di sfere - tra cui la Terra - ruotanti attorno al Sole. Era il capovolgimento della concezione tradizionale tolemaica (dal nome di Claudio Tolomeo - 138-180 d.C. -  matematico e geografo greco, autore dell'Almogestotrattato di astronomia in cui si espone il sistema detto appunto tolemaico) o geocentrica (che poneva, cioè, la Terra al centro dell'Universo) sostenuta dalla Chiesa. 
L'idea copernicana che, considerando quasi infinita la distanza delle stelle, prospettava un Universo infinitamente grande e la Terra come parte infinitesima di esso, cominciò a scuotere, sul terreno scientifico ma più ancora su quello filosofico, le vecchie convinzioni. Una autentica rivoluzione del pensiero: ad essa aderirono e si ispirarono vigorose personalità di pensatori del Rinascimento.



Giordano Bruno (1548-1600) da Nola, fu il più grande filosofo italiano del Rinascimento. Nella sua dottrina è presente la concezione.copernicana. Egli sostenne che l'Universo è infinito, nello spazio e nel tempo: di quest'Universo Dio è l'anima infinita, presente in ogni suo aspetto. Nell'insieme di questi aspetti l'uomo può avere percezione di Dio, ma non attraverso la contemplazione bensì con l'eroico furore, con un impegno totale, cioè di libera azione di conquista.

Tacciato di eresia, Bruno, frate domenicano, subì un primo processo nel 1576 e abbandonò il saio. Denunziato di nuovo al Tribunale di Venezia della Inquisizione, rifiutò di ritrattare le sue idee e morì, arso sul rogo, a Roma nel 1600.

Giordano Bruno fu autore di vari trattati e dialoghi (De la causa principio et uno..., Spaccio della bestia trionfante..., Gli eroici furori) di natura filosofica; ma egli, a buon diritto, appartiene anche alla storia delle lettere per la sua prosa realistica e violenta e per una bellissima commedia, Il Candelaio, in cui riprendendo personaggi tipici del teatro cinquecentesco, costruisce una graffiante, grottesca caricatura delle idee e dei costumi contro i quali indirizza il suo pensiero.



La vita di Tommaso campanella, nato in Calabria nel 1568 e morto nel 1639 a Parigi, ebbe per qualche aspetto delle analogie con quella di Bruno, anche se meno tragica ne fu la conclusione.
Domenicano anch'egli, ispirò la sua concezione filosofiche alle idee "naturaliste" di Bernardino Telesio (1509-1588 - sostenne che la spiegazione dei fenomeni della natura è nei due principi agenti, il caldo e il freddo), del tutto invise all'ordine religioso cui apparteneva. 
Nel 1599 fu condannato per eresia e per aver partecipato ad una congiura contro il governo spagnolo e scontò 30 anni di carcere. In reclusione scrisse la maggior parte delle sue opere e poesie. La sua visione politica è contenuta nell'opera La città del sole, del 1602, in cui disegna una immaginaria società dove potere politico e religioso sono nelle mani di un solo capo, dove non esistono famiglia, proprietà privata e uso della moneta; dove i beni sono comuni e comune è il lavoro, l'istruzione, la regolamentazione dei matrimoni.



Galileo Galilei dette al pensiero scientifico una svolta profondamente rinnovatrice. Egli fu convinto assertore del metodo sperimentale; in senso moderno ne fu addirittura I'iniziatore. Sostenne, cioè, che alla conoscenza della natura non si perviene in forza di ipotesi filosofiche o di credenze derivate dalla tradizione e dal pensiero teologico, ma con la osservazione diretta dei fenomeni che in natura avvengono. In altre parole, Galilei si preoccupa non di ricercare i "perché" filosofici dell'Universo, del mondo naturale, ma di spiegare come questo Universo si presenta.

Nato nel 1564 a Pisa, Galilei iniziò gli studi dedicandosi alla medicina. Ben presto, però, la sua passione per la fisica e la matematica impressero alla sua vita un indirizzo del tutto diverso. Attento osservatore (a soli vent'anni aveva formulato le leggi dell'isocronismo del pendolo), divenne insegnante di matematica nello Studio pisano. Qui condusse varie ricerche sul moto dei gravi. 
Nel 1592 si trasferì a Padova dove scrisse, tra l'altro, un Trattato sul moto accelerato
Nel 1600 costruisce un cannocchiale e con esso compie una serie di osservazioni astronomiche che Io portano alla scoperta di quattro satelliti di Giove (che egli chiama Stelle medicee in onore del granduca Cosimo II de' Medici), delle stelle della Via Lattea, della natura del suolo lunare.

Nei suoi studi astronomici egli convalida e prova la fondamentale verità della ipotesi eliocentrica e delle .affermazioni di Keplero (Johannes Kepler - Keplero 1571-1630): astronomo tedesco, perfezionò la teoria copernicana enunciando Ie leggi sul moto dei pianeti), circa il movimento della Terra attorno al Sole. I risultati delle sue osservazioni vengono pubblicati in un libro scritto in latino: il Sidereus Nuncius, del 1610. In questo stesso anno, trasferitosi in Toscana su invito di Cosimo II, è fatto oggetto di un'opera continua di calunnia. E' accusato di essersi posto, con le sue idee, contro la religione. 
Nel 1616 viene ammonito a non interessarsi oltre di problemi astronomici. Ma Galileo non desiste: con il Saggiatore, opera polemica con la quale irride alla ottusità dei suoi avversari, e, soprattutto con il Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo, egli riprende in pieno la difesa delle teorie copernicane.

Nel Dialogo, immagina un confronto tra un copernicano, un sostenitore delle teorie tolemaiche ed un terzo personaggio, che discute le affermazioni del primo. Quest'opera rappresenta il colmo per le gerarchie ecclesiastiche che rinnovano l'accusa a Galileo di aver sostenuto una dottrina in contrasto con i principi della Chiesa e di aver adombrato, nel personaggio del tolemaico - il goffo Simplicio - la stessa figura del pontefice. Benché malato, egli, è costretto a comparire dinanzi al Santo Uffizio di Roma (1633), dove inizia il processo che durerà quattro mesi e che vedrà Galilei difendere strenuamente e con grandissima abilità e cultura, le proprie idee. Alla fine è condannato all'abiura ed al carcere a vita.
Probabilmente l'entità della sua "colpa" avrebbe, in diverse circostanze, comportato la pena di morte. Ma nella comminazione del carcere a vita e nella successiva mitigazione di questa pena in una specie di confino ad Arcetri, vicino Firenze (dove Galilei morì nel 1642) si deve vedere il disagio della Chiesa di fronte ad una persecuzione che sapeva avrebbe sollevato l'indignazione di tutta l'intellettualità d'Europa e che sarebbe comunque rimasta nella storia come un triste esempio dell'intolleranza, della ottusa crudeltà dell'autorità ecclesiastica dei tempi.


VEDI ANCHE . . .









Afrodisiaco (1) Aglietta (1) Albani (2) Alberti (1) Alda Merini (1) Alfieri (4) Altdorfer (2) Alvaro (1) Amore (2) Anarchici (1) Andersen (1) Andrea del Castagno (3) Andrea del Sarto (4) Andrea della Robbia (1) Anonimo (2) Anselmi (1) Antonello da Messina (4) Antropologia (7) APPELLO UMANITARIO (5) Apuleio (1) Architettura (4) Arcimboldo (1) Ariosto (4) Arnolfo di Cambio (2) Arp (1) Arte (4) Assisi (1) Astrattismo (3) Astrologia (1) Astronomia (3) Attila (1) Aulenti (1) Autori (7) Avanguardia (11) Averroè (1) Baccio della Porta (2) Bacone (2) Baldovinetti (1) Balla (1) Balzac (2) Barbara (1) Barocco (1) Baschenis (1) Baudelaire (2) Bayle (1) Bazille (4) Beato Angelico (6) Beccafumi (3) Befana (1) Bellonci (1) Bergson (1) Berkeley (2) Bernini (1) Bernstein (1) Bevilacqua (1) Biografie (11) Blake (2) Boccaccio (2) Boccioni (2) Böcklin (2) Body Art (1) Boiardo (1) Boito (1) Boldini (3) Bonheur (3) Bonnard (2) Borromini (1) Bosch (4) Botanica (1) Botticelli (7) Boucher (9) Bouts (2) Boyle (1) BR (1) Bramante (2) Brancati (1) Braque (1) Breton (3) Brill (2) Brontë (1) Bronzino (4) Bruegel il Vecchio (3) Brunelleschi (1) Bruno (2) Buddhismo (1) Buonarroti (1) Byron (2) Caillebotte (2) Calcio (1) Calvino (2) Calzature (1) Camillo Prampolini (1) Campanella (4) Campin (1) Canaletto (4) Cancro (2) Canova (2) Cantù (1) Capitalismo (3) Caravaggio (19) Carlevarijs (2) Carlo Levi (3) Carmi (1) Carpaccio (3) Carrà (1) Carracci (4) Carriere (1) Carroll (1) Cartesio (3) Casati (1) Cattaneo (1) Cattolici (1) Cavalcanti (1) Cellini (2) Cervantes (3) Cézanne (19) Chagall (3) Chardin (4) Chassériau (2) Chaucer (1) CHE GUEVARA (1) Cialente (1) Cicerone (8) Cimabue (4) Cino da Pistoia (1) Città del Vaticano (3) Clarke (1) Classici (26) Classicismo (1) Cleland (1) Collins (1) COMMUNITY (2) Comunismo (28) Condillac (1) Constable (4) Copernico (2) Corano (1) Cormon (2) Corot (9) Correggio (4) Cosmesi (1) Costa (1) Courbet (9) Cousin il giovane (2) Couture (2) Cranach (3) Crepuscolari (1) Crespi (2) Crespi detto il Cerano (1) Creta (2) Crispi (1) Cristianesimo (3) Crivelli (2) Croce (1) Cronin (1) Cubismo (1) CUCINA (9) Cucina friulana (2) D'Annunzio (1) Dadaismo (1) Dalì (5) Dalle Masegne (1) Dante Alighieri (8) Darwin (2) Daumier (6) DC (1) De Amicis (1) De Champaigne (2) De Chavannes (1) De Chirico (4) De Hooch (2) De La Tour (4) De Nittis (2) De Pisis (1) De' Roberti (2) Defoe (1) Degas (16) Del Piombo (4) Delacroix (6) Delaroche (2) Delaunay (2) Deledda (1) Dell’Abate (2) Derain (2) Descartes (2) Desiderio da Settignano (1) Dickens (8) Diderot (2) Disegni (2) Disegni da colorare (10) Disegni Personali (2) Disney (1) Dix (3) Doganiere (5) Domenichino (2) Donatello (4) Donne nella Storia (42) Dossi (1) Dostoevskij (7) DOTTRINE POLITICHE (75) Dova (1) Du Maurier (1) Dufy (3) Dumas (1) Duprè (1) Dürer (9) Dylan (2) Ebrei (9) ECONOMIA (7) Edda Ciano (1) Edison (1) Einstein (2) El Greco (9) Eliot (1) Elsheimer (2) Emil Zola (3) Energia alternativa (6) Engels (10) Ensor (3) Epicuro (1) Erasmo da Rotterdam (1) Erboristeria (7) Ernst (3) Erotico (1) Erotismo (4) Esenin (1) Espressionismo (3) Etruschi (1) Evangelisti (3) Fallaci (1) Fantin-Latour (1) Fascismo (26) Fattori (4) Faulkner (1) Fautrier (1) Fauvismo (1) FAVOLE (2) Fedro (1) FELICITÀ (1) Fenoglio (2) Ferragamo (1) FIABE (6) Fibonacci (1) Filarete (1) Filosofi (1) Filosofi - A (1) Filosofi - F (1) Filosofi - M (1) Filosofi - P (1) Filosofi - R (1) Filosofi - S (1) FILOSOFIA (55) Fini (1) Finkelstein (1) Firenze (1) Fisica (5) Fitoterapia (10) Fitzgerald (1) Fiume (1) Flandrin (1) Flaubert (4) Fogazzaro (2) Fontanesi (1) Foppa (1) Foscolo (6) Fougeron (1) Fouquet (4) Fra' Galgario (2) Fra' Guglielmo da Pisa (1) Fragonard (9) Frammenti (1) Francia (2) François Clouet (2) Freud (1) Friedrich (5) FRIULI (8) Futurismo (3) Gadda (2) Gainsborough (14) Galdieri (1) Galilei (2) Galleria degli Uffizi (1) Gamberelli (1) Garcia Lorca (1) Garcìa Lorca (1) Garibaldi (2) Gassendi (1) Gauguin (17) Gennaio (1) Gentile da Fabriano (2) Gentileschi (2) Gerard (1) Gérard (1) Gérard David (2) Géricault (7) Gérôme (2) Ghiberti (1) Ghirlandaio (2) Gialli (1) Giallo (1) Giambellino (1) Giambologna (1) Gianfrancesco da Tolmezzo (1) Gilbert (1) Ginzburg (1) Gioberti (1) Giordano (3) Giorgione (15) Giotto (12) Giovanni Bellini (10) Giovanni della Robbia (1) Giovanni XXIII (8) Giustizia (1) Glossario dell'arte (19) Gnocchi-Viani (1) Gobetti (1) Goethe (9) Gogol' (2) Goldoni (1) Gončarova (2) Gorkij (3) Gotico (1) Goya (11) Gozzano (2) Gozzoli (1) Gramsci (4) Grecia (2) Greene (1) Greuze (4) Grimm (2) Gris (2) Gros (7) Grosz (3) Grünewald (5) Guadagni (1) Guardi (6) Guercino (1) Guest (1) Guglielminetti (1) Guglielmo di Occam (1) Guinizelli (1) Gutenberg (2) Guttuso (4) Hals (3) Hawthorne (1) Hayez (4) Heckel (1) Hegel (6) Heine (1) Heinrich Mann (1) Helvétius (1) Hemingway (3) Henri Rousseau (3) Higgins (1) Hikmet (1) Hobbema (2) Hobbes (1) Hodler (1) Hogarth (4) Holbein il Giovane (4) Hugo (1) Hume (2) Huxley (1) Il Ponte (2) Iliade (1) Impressionismo (85) Indiani (1) Informale (1) Ingres (7) Invenzioni (31) Islam (5) Israele (1) ITALIA (2) Italo Svevo (5) Jacopo Bellini (4) Jacques-Louis David (9) James (1) Jean Clouet (2) Jean-Jacques Rousseau (3) Johns (1) Jordaens (2) Jovine (3) Kafka (3) Kandinskij (4) Kant (9) Kautsky (1) Keplero (1) Kierkegaard (1) Kipling (1) Kirchner (4) Klee (3) Klimt (4) Kollwitz (1) Kuliscioff (1) Labriola (2) Lancret (3) Land Art (1) Larsson (1) Lavoro (2) Le Nain (3) Le Sueur (2) Léger (2) Leggende (1) Leggende epiche (1) Leibniz (1) Lenin (7) Leonardo (43) Leopardi (3) Letteratura (22) Levi Montalcini (1) Liala (1) Liberalismo (1) LIBERTA' (28) LIBRI (23) Liotard (5) Lippi (5) Locke (4) Lombroso (1) Longhi (3) Lorenzetti (3) Lorenzo il Magnifico (1) Lorrain (5) Lotto (6) Luca della Robbia (1) Lucia Alberti (1) Lucrezio (2) Luini (2) Lutero (3) Macchiaioli (1) Machiavelli (10) Maderno (1) Magnasco (1) Magritte (4) Maimeri (1) Makarenko (1) Mallarmé (2) Manet (14) Mantegna (8) Manzoni (4) Maometto (4) Marcks (1) MARGHERITA HACK (1) Marquet (2) Martini (7) Marx (17) Marxismo (9) Masaccio (7) Masolino da Panicale (1) Massarenti (1) Masson (2) Matisse (6) Matteotti (2) Maupassant (1) Mauriac (1) Mazzini (5) Mazzucchelli detto il Morazzone (1) Medicina (4) Medicina alternativa (23) Medicina naturale (17) Meissonier (2) Melozzo da Forlì (2) Melville (1) Memling (4) Merimée (1) Metafisica (4) Metalli (1) Meynier (1) Micene (2) Michelangelo (11) Mickiewicz (1) Millais (1) Millet (4) Minguzzi (1) Mino da Fiesole (1) Miró (2) Mistero (10) Modigliani (4) Molinella (1) Mondrian (4) Monet (14) Montaigne (1) Montessori (2) Monti (3) Monticelli (2) Moore (1) Morandi (4) Moreau (4) Morelli (1) Moretto da Brescia (2) Morisot (3) Moroni (2) Morse (1) Mucchi (16) Munch (2) Murillo (4) Musica (14) Mussolini (5) Mussulmani (5) Napoleone (11) Natale (8) Nazismo (17) Némirovsky (1) Neo-impressionismo (3) Neoclassicismo (1) Neorealismo (1) Neruda (2) Newton (2) Nietzseche (1) Nievo (1) Nobel (1) Nolde (2) NOTIZIE (1) Nudi nell'arte (52) Odissea (1) Olocausto (6) Omeopatia (18) Omero (2) Onorata Società (1) Ortese (1) Oudry (1) Overbeck (2) Ovidio (1) Paganesimo (1) Palazzeschi (1) Palizzi (1) Palladio (1) Palma il Vecchio (1) Panama (1) Paolo Uccello (5) Parapsicologia (1) Parini (3) Parmigianino (3) Pascal (1) Pascoli (3) Pasolini (3) Pavese (3) Pedagogia (2) Pellizza da Volpedo (2) PERSONAGGI DEL FRIULI (30) Perugino (3) Petacci (1) Petrarca (4) Piazzetta (2) Picasso (8) Piero della Francesca (8) Piero di Cosimo (2) Pietro della Cortona (1) Pila (2) Pinturicchio (2) Pirandello (2) Pisanello (2) Pisano (1) Pissarro (10) Pitagora (1) Plechanov (1) Poe (1) Poesie (4) Poesie Classiche (18) POESIE di DONNE (2) Poesie personali (16) POETI CONTRO IL RAZZISMO (1) POETI CONTRO LA GUERRA (18) Poliziano (1) Pollaiolo (4) Pomodoro (1) Pomponazzi (1) Pontano (1) Pontormo (1) Pop Art (1) Poussin (9) Pratolini (1) Premi Letterari (3) Prévost (1) Primaticcio (2) Primo Levi (1) Problemi sociali (2) Procaccini (1) PROGRAMMI PC (1) Prostituzione (1) Psicoanalisi (1) PSICOLOGIA (5) Pubblicità (1) Pulci (1) Puntitismo (3) Puvis de Chavannes (1) Quadri (2) Quadri personali (1) Quarton (2) Quasimodo (1) Rabelais (1) Racconti (1) Racconti personali (1) Raffaello (20) Rasputin (1) Rauschenberg (1) Ravera (1) Ray (1) Razzismo (1) Realismo (3) Rebreanu (1) Recensione libri (15) Redon (1) Regina Bracchi (1) Religione (7) Rembrandt (10) Reni (4) Renoir (19) Resistenza (8) Ribera (4) RICETTE (3) Rimbaud (2) Rinascimento (3) RIVOLUZIONARI (55) Rococò (1) Roma (6) Romantici (1) Romanticismo (1) Romanzi (3) Romanzi rosa (1) Rossellino (1) Rossetti (1) Rosso Fiorentino (3) Rouault (1) Rousseau (3) Rovani (1) Rubens (13) Russo (1) Sacchetti (1) SAGGI (11) Salute (16) Salvator Rosa (2) San Francesco (5) Sannazaro (2) Santi (1) Sassetta (2) Scapigliatura (1) Scheffer (1) Schiele (3) Schmidt-Rottluff (1) Sciamanesimo (1) Sciascia (2) Scienza (8) Scienziati (13) Scipione (1) Scoperte (33) Scoto (1) Scott (1) Scrittori e Poeti (24) Scultori (2) Segantini (2) Sellitti (1) Seneca (2) Sereni (1) Sérusier (2) Sessualità (5) Seurat (3) Severini (1) Shaftesbury (1) Shoah (7) Signac (3) Signorelli (2) Signorini (1) Simbolismo (2) Sindacato (1) Sinha (1) Sironi (2) Sisley (3) Smith (1) Socialismo (45) Società segrete (1) Sociologia (4) Socrate (1) SOLDI (1) Soldi Internet (1) SOLIDARIETA' (6) Solimena (2) Solženicyn (1) Somerset Maugham (3) Sondaggi (1) Sorel (2) Soulages (1) Soulanges (2) Soutine (1) Spagna (1) Spagnoletto (4) Spaventa (1) Spinoza (2) Stampa (2) Steinbeck (1) Stendhal (1) Stevenson (4) Stilista (1) STORIA (68) Storia del Pensiero (81) Storia del teatro (1) Storia dell'arte (123) Storia della tecnica (24) Storia delle Religioni (47) Stubbs (1) Subleyras (2) Superstizione (1) Surrealismo (1) Swift (3) Tacca (1) Tacito (1) Tasca (1) Tasso (2) Tassoni (1) Ter Brugghen (2) Terapia naturale (18) Terracini (1) Thomas Mann (6) Tiepolo (4) Tina Modotti (1) Tintoretto (8) Tipografia (2) Tiziano (18) Togliatti (2) Toland (1) Tolstoj (2) Tomasi di Lampedusa (3) Toulouse-Lautrec (5) Tradizioni (1) Troyon (2) Tura (2) Turati (2) Turgenev (2) Turner (6) UDI (1) Ugrešić (1) Umanesimo (1) Umorismo (1) Ungaretti (3) Usi e Costumi (1) Valgimigli (2) Van Der Goes (3) Van der Weyden (4) Van Dyck (6) Van Eyck (8) Van Gogh (15) Van Honthors (2) Van Loo (2) Vangelo (3) Velàzquez (8) Veneziano (2) Verdura (1) Verga (10) Verismo (10) Verlaine (5) Vermeer (8) Vernet (1) Veronese (4) Verrocchio (2) VIAGGI (2) Viani (1) Vico (1) Video (13) Vigée­-Lebrun (2) VINI (3) Virgilio (3) Vittorini (2) Vivanti (1) Viviani (1) Vlaminck (1) Volta (2) Voltaire (2) Vouet (4) Vuillard (3) Warhol (1) Watson (1) Watteau (9) Wells (1) Wilde (1) Winterhalter (1) Witz (2) Wright (1) X X X da fare (34) Zurbarán (3)