venerdì 5 novembre 2010

SAN FRANCESCO E IL LUPO DI GUBBIO (St. Francis and the wolf of Gubbio) - Sassetta

SAN FRANCESCO E IL LUPO DI GUBBIO (1437-1444)
Stefano di Giovanni di Consolo, detto Sassetta (..?.. - 1450)
National Gallery a Londra
Tempera su tavola cm 87,6 x 52


La scena raffigura San Francesco, riconoscibile dal saio marrone e dalla grande aureola dorata, mentre ammansisce il feroce lupo che aveva terrorizzato la città di Gubbio e che aveva mietuto molte vittime..., nel dipinto infatti scorgiamo (si fa per dire) un cadavere ancora sanguinante e più in là delle ossa sparse fra gli alberi.

Dietro al Santo è ammassata una folla di uomini che si è spinta fuori dalle mura cittadine e incredula assiste all'evento miracoloso.

Sopra la porta, alcune donne curiose, affacciate fra i merli, osservano la scena dall'alto e da posizione sicura.

II paesaggio nello sfondo ricorda le colline senesi dalla forma tondeggiante, su cui sorgono le torri di città e castelli.

La scena, semplice e aggraziata, è un brano di grande poesia.

La gioia degli abitanti di Gubbio e la loro ritrovata tranquillità è accompagnata dal volo di anatre che descrivono un semicerchio nel cielo puro.


L'OPERA

La tavoletta faceva parte di un grande polittico bifronte, commissionato a Sassetta il 5 settembre 1437 per l'altare maggiore della chiesa di San Francesco a Borgo San Sepolcro (Arezzo).

Finita di pagare il 5 giugno del 1444, l'opera rimase nella sua sede originaria fino al 1752.

Nel XIX secolo fu smembrata e i diversi scomparti furono venduti separatamente.
La scena con "San Francesco che ammansisce il lupo di Gubbio" era collocato in origine nella facciata posteriore del polittico.


VEDI ANCHE . . .

Stefano di Giovanni di Consolo, detto SASSETTA


Stefano di Giovanni di Consolo, detto SASSETTA



L'ESTASI DI SAN FRANCESCO (1437-44)
The ecstasy of St Francis - SASSETTA
Villa i Tatti - Settignano FI


Stefano di Giovanni di Consolo, meglio conosciuto con l'appellativo di Sassetta, nacque alla fine del XIV secolo probabilmente a Cortona.

La sua formazione avvenne a Siena nell'ambito dei maestri tardo gotici, ma guardando con attenzione anche al la grande pittura senese del Trecento, da Simone Martini ai Lorenzetti.

Fra il 1423 e il 1426 l'artista attese alla sua prima importante commissione, la "Pala dell'Arte della Lana" per la chiesa di San Pellegrino a Siena.

L'opera è oggi smembrata e divisa fra vari musei, frammenti importanti sono conservati nella Pinacoteca di Siena.

Nel 1428 Sassetta è iscritto nel "Ruolo dei pittori senesi".

Agli anni 1430-1432 risale la grande pala della "Madonna della Neve", eseguita dal pittore per la Cappella di San Bonifacio nel duomo di Siena (oggi conservata a Firenze, Collezione Contini Bonacossi, Palazzo Pitti).

Intorno al 14351'artista realizzò il polittico per San Domenico a Cortona, ora nel Museo diocesano.

Dal 1437 al 1444 il pittore lavorò all'immenso pentittico dipinto su due facce per la chiesa di San Francesco a Borgo San Sepolcro.

L'opera è oggi smembrata e divisa tra vari musei.

La faccia anteriore raffigurava la "Madonna in trono" (Parigi, Louvre)... e "Quattro Santi" due dei quali sono al Louvre, mentre altri due nella Collezione Berenson (Settignano, Firenze, Villa I Tatti).

Sassetta fu l'artista senese più aperto allo scambio di idee con i contemporanei artisti fiorentini, soprattutto con quei pittori come Domenico Veneziano, l'Angelico o Paolo Uccello, che interpretavano la prospettiva masaccesca privilegiando il rapporto tra luce e colore.

L'artista morì a Siena il primo aprile del 1450, mentre affrescava gli "Angeli musicanti" nella Porta Romana.


VEDI ANCHE . . .

SAN FRANCESCO E IL LUPO DI GUBBIO - Sassetta


DONNE AL POZZO (Women at the Well) - Paul Signac


DONNE AL POZZO (1892)
Paul Signac (1863 - 1935)
Museo d'Orsay di Parigi
Tela cm. 154 x 130


Nel catalogo dell'esposizione degli Indipendenti del 1893, quest'opera era intitolata ...Jeunes provençales au piuts. Décoration pour un panneau dans la pénombre.

Questa tela di grandi dimensioni testimonia le ambizioni decorative di Signac, che successivamente intraprende una vasta composizione ispirata anch'essa a Saint-Tropez, AU TEMPS D'HARMONIE, oggi esposta al municipio di Montreuil.

L'artista aveva già trattato a più riprese il tema della figura umana in un interno; in questo caso decise di associarla al suo tema preferito, il paesaggio ai bordi del mare.

Le due donne in primo piano si inseriscono in una rigida composizione geometrica, dove le linee verticali del motivo centrale sono equilibrate dalla linea dell'orizzonte e da quella della banchina del porto.

Al fine di addolcire questo schema rigorosamente ortogonale, il pittore introduce una diagonale che separa il paesaggio in due zone colorate, una blu e una gialla.

L'ombra degli alberi, in primo piano, completa la raffigurazione cromatica e lineare del dipinto: vi dominano il verde e le sinuosità, quasi annuncianti l''art nouveau', che si susseguono nel sentiero che conduce in cima alla collina.

Ogni dettaglio (vele, piante, orci) è utilizzato per le sue possibilità decorative e riprende, miniaturizzandole, le grandi linee della composizione.
Gli innumerevoli piccoli tocchi di colore puro e la stupefacente resa della luce del Midi forniscono una rigorosa dimostrazione dei principi del neoimpressionismo.

Il dipinto venne esposto nel 1893 al IX Salon des Indépendants.
L'anno successivo figurò alla mostra de "La Libre Esthétique" di Bruxelles, erede, con lo stesso successo, del Salon des XX.

L'opera rimase in possesso della famiglia dell'Artista, finché la figlia Ginette la donò al Museo d'Orsay.

PAUL SIGNAC - Neo impressinista francese

Paul Signac (1863 - 1935)
Pittore francese


Paul Signac nacque a Parigi l'11 novembre 1863.


Nel 1883 entrò nell'atelier del pittore Bin, "prix de Rome" e sindaco di Montmartre, ma i suoi veri maestri furono gli impressionisti e soprattutto Monet.

Nel 1884 Signac partecipò all'allestimento del primo Salon des Indépendants e in tale occasione conobbe Seurat.

Fu l'inizio di una stretta collaborazione artistica, nel corso della quale i due artisti misero a punto una nuova tecnica pittorica, il divisionismo, che tende alla sintesi della forma e del colore attraverso l'analisi ottica della luce e la scomposizione dei toni nei loro elementi costitutivi.

Nel 1886 si costituì intorno ad essi un gruppo di pittori che esposero all'ultima mostra impressionista; anche Pissarro si lasciò coinvolgere dai giovani amici e presentò anch'egli tele eseguite con la nuova tecnica.

Il critico Félix Fénéon battezzò il nuovo movimento neo-impressionismo".

Paul Signac si interessò, inoltre, agli scritti di Charles Henry, autore di saggi scientifici sulla forma e sul colore.

Alla morte di Seurat, nel 1891, il pittore divenne il principale rappresentante delle teorie neo-impressioniste, alle quali rimase fedele fino alla morte (1935).

Nel 1898 pubblicò il trattato "Da Delacroix al neo-impressionismo" dove analizzava le nuove teorie.

Paul Signac, appassionato viaggiatore e navigatore, "scoprì" Saint-Tropez nel 1892, fu sedotto dalla luce e dalla bellezza del posto, e vi si trasferì, dopo aver acquistato una villa, "La Hune", dove ogni anno, fino al 1913, amò trascorrere lunghi periodi.

Qui accolse numerosi giovani pittori che sperimentavano le tecniche neo-impressioniste; Matisse vi trascorse l'estate del 1904, poco prima di esporre le sue iniziali opere "fauves".

Nel 1908 Paul Signac divenne presidente del Salon des Indépendants.


VEDI ANCHE . . .

PAUL SIGNAC - Vita e opere

DONNE AL POZZO - Paul Signac

SAINT-TROPEZ, LA BOA ROSSA - Paul Signac

Alexander Von Humboldt , il re di tutte le scienze


Von Humboldt Alexander, il re di tutte le scienze


Quando in un giorno del maggio del 1859, Alexander von Humboldt entrò nel regno del definitivo ed eterno riposo, egli aveva quasi compiuto i novant'anni.
Aveva percorso l'Asia fino ai confini della Cina ed esplorato il Sud America percorrendo regioni dove non era mai penetrato nessuno.
Aveva lavorato come minatore nelle viscere della terra e aveva scalato nel 1802 il Chimborazo, nel Perù, che con i suoi 5.759 metri d'altezza rappresentava in quel momento la vetta più elevata raggiunta dall'uomo.
Aveva servito come gentiluomo di camera due re, aveva diviso con gli indios d'America il cibo e la capanna, era nato milionario ed era morto povero.

Siamo all'inizio di agosto del 1804.
Parigi aveva già dimenticato la sua grande rivoluzione; il nuovo imperatore Napoleone stava per sottomettere tutta l'Europa.
Due uomini che già varie volte erano stati dati per morti, ritornavano dalle colonie spagnole del centro e del sud America: questi due uomini erano lo scienziato Alexander von Humboldt, appartenente alla nobiltà prussiana, e il botanico Bonpland, un appassionato ammiratore della rivoluzione francese.

La fama che li precedeva era straordinaria come la loro vita.
A Parigi già da un pezzo fiorivano le piante i cui semi erano stati inviati in Europa dai due esploratori e negli erbari della Senna erano già gelosamente custoditi gli esemplari di migliaia di specie che essi avevano spedito da Lima, dal Messico e dall'Avana perchè gli specialisti potessero esaminarle e studiarle.

Quasi la decima parte di queste specie era composta da piante che i botanici europei vedevano per la prima volta.
Per cinque anni i due esploratori avevano navigato per fiumi sconosciuti servendosi delle canoe degli aborigeni, avevano vagato per le foreste vergini e per luoghi dove mai nessun europeo aveva messo piede.
La loro unica meta era quella di scoprire nuovi orizzonti e verso questi essi si dirigevano senza posa.
La possibilità quasi unica di poter effettuare esplorazioni così vaste era dovuta alla felice concomitanza di fattori sia politici che economici.

Col trattato di Toresillas, sottoscritto nel 1494, il Papa aveva riconosciuto la divisione del Nuovo Mondo in due zone d'influenza, l'una dominata dalla Spagna, l'altra dal Portogallo e queste due potenze erano riuscite per tre secoli a conservare gelosamente i loro imperi contro le mire di tutti gli altri Stati.
Le notizie dirette che si avevano su quegli sterminati territori erano per lo più portate da trafficanti e avventurieri ed erano, naturalmente, frammentarie e insufficienti per le esigenze di una scienza che si stava rapidamente avviando verso la sua massima fioritura.
Erano tuttavia sufficienti per far intravedere alla corte spagnola l'esistenza di grandi ricchezze minerarie e quindi la possibilità di rimpinguare di oro e di argento le sue esauste casse; occorreva perciò organizzare una sistematica esplorazione geologica e un razionale sfruttamento delle miniere.
E' per questo che Alexander von Humboldt, profondo conoscitore della tecnica mineraria e dell'arte di fondere i metalli, ebbe l'occasione di entrare nella Nuova Spagna per esplorarla liberamente.
Sul suo passaporto, firmato dal re di Spagna in persona, stava scritto: « il portatore si reca nelle terre americane e nei possedimenti d'oltremare con l'incarico di studiare la situazione mineraria ».

Accettando questo incarico, Humboldt e il suo accompagnatore coglievano la grande occasione della loro vita.
Sulle rive dei fiumi della foresta vergine, nella solitaria immensità della pampa venezuelana, nei gelidi altopiani delle Ande, in ogni luogo dove ci fosse qualcosa da vedere, i due esploratori lavorarono intensamente senza trascurare nessun ramo della scienza.
Non risparmiarono alcuno sforzo quando si trattava di procurarsi dei dati su fenomeni naturali ancora ignorati o informazioni su popolazioni e paesi ancora sconosciuti.
Così, giorno per giorno, essi raccoglievano migliaia di nuove conoscenze e ognuna di esse aveva una grande importanza scientifica.

E' quindi comprensibile che il loro arrivo a Parigi, nel 1804, fosse accolto con grande curiosità ed entusiasmo.
Berthollet, membro autorevole dell'Accademia di Francia, accolse Alexander von Humboldt, che aveva allora solo 35 anni, con le parole:

« Quest'uomo riunisce in sè un'intera Accademia ».

Il suo lavoro fu giustamente esaltato ed apprezzato.
Ben diversa fu invece la reazione di Napoleone: egli non poteva tollerare che il celebre esploratore gli sottraesse una parte di gloria e monopolizzasse l'attenzione del pubblico, per di più dando prova di essere animato da uno spirito democratico-borghese.
Infatti quando lo scienziato gli venne presentato, Napoleone lo liquidò dicendogli:

« Ah, vi occupate di botanica? Lo fa anche mia moglie! ».

Humboldt registrò il disprezzo che si celava nelle parole dell'imperatore e da quel momento evitò accuratamente di frequentare il suo entourage.
A Parigi si legò invece d'amicizia con i migliori intelletti della sua epoca e stese il programma dei suoi viaggi di studio e di lavoro alla fine dei quali, vent'anni dopo, egli pubblicava una monumentale opera in 33 volumi che fu tra le più importanti e apprezzate del suo tempo.
In essa infatti Humboldt gettava le basi della Geografia scientifica, dell'Oceanografia e della Geografia botanica; tutte discipline fondamentali per la conoscenza del globo terracqueo.

Tuttavia ci fu un altro grande contemporaneo che non seppe giustamente apprezzare l'opera di Humboldt: Fredrich Schiller.
Egli rimproverava infatti al grande esploratore di dare molta più importanza alla pratica che alla teoria, di essere una specie di Nestore della scienza moderna, di perdersi dietro argomenti troppo limitati e frammentari ed era quindi scettico che i suoi studi potessero rivestire un carattere veramente universale.
In realtà il merito di Humboldt sta proprio in questo e cioè nell'aver voluto osservare con esattezza la realtà confrontando i risultati raggiunti e cercando di scoprire con la meditazione, appoggiata dall'osservazione diretta, le leggi più profonde della natura.
E' proprio per questo che il suo lavoro ha avuto un carattere di universalità che, nonostante l'opinione di Schiller, nessuno studio fatto a tavolino gli avrebbe potuto conferire.
Quando Humboldt scala la vetta del Chimborazo, egli non si accontenta di osservare e descrivere il paesaggio e la flora, ma annota diligentemente gli effetti che le grandi altezze hanno sulle reazioni fisiologiche dell'organismo umano ponendo così le basi dell'alpinismo scientifico.
E' proprio perchè egli esplora che alla fine è in grado di trarre delle conclusioni definitive sui fenomeni sismici e sul segreto delle loro eruzioni e sul come si sono formate le montagne.
Ed è proprio perchè egli studia diligentemente migliaia di piante che alla fine riesce a scoprire non solo la loro struttura e la loro fisiologia, ma anche le loro relazioni con l'ambiente e l'influenza che hanno sul mondo vegetale l'altitudine, il clima e la composizione chimica del terreno.

Questo metodo sperimentale e comparativo è stato seguito da Humboldt in tutti i campi della scienza mentre ogni speculazione pura e astratta viene da qui bandita; egli non perdeva mai d'occhio le conseguenze pratiche delle sue ricerche sia che si trovasse nelle colonie spagnole o a Parigi.
Il suo genio consisteva soprattutto nella capacità di collegare immediatamente ogni analisi particolare con la situazione e gli aspetti storici, naturali e culturali del problema.
Egli era estremamente sensibile nel cogliere non soltanto le correlazioni geografiche, ma anche quelle sociali di una data realtà.
Ne fanno fede i suoi mirabili studi sui popoli aborigeni d'America e sul regime schiavista imperante a Cuba.

« E' inaudito - si può leggere nel saggio di Humboldt Sulla situazione politica di Cuba - che al giorno d'oggi, nelle Indie Occidentali, i coloni bianchi marchino i loro schiavi col ferro rovente per poterli facilmente rintracciare in caso di fuga. Questo è il trattamento infatti che viene riservato a gente che risparmia agli altri le più pesanti fatiche del lavoro nelle piantagioni ».

E più avanti:

« A questa parte della mia opera, dedicata alla vergognosa situazione di Cuba, dò un'importanza maggiore che ai miei pur difficili lavori sull'orientamento astronomico ».

Ed è qui nel prendere partito a favore dei popolo ridotti in schiavitù e crudelmente sfruttati dai colonizzatori, nel descrivere le possibilità agricole ed industriali di quei paesi sottosviluppati, che si proietta la grande figura di Humboldt fino a trascendere il suo tempo.
Con questi suoi scritti e con i contatti personali stretti a Parigi con Simon Bolivar, l'uomo che pochi anni dopo doveva entrare nella storia come il fondatore degli Stati indipendenti dell'America Latina, Humboldt influì indubbiamente sul movimento di liberazione che andava maturando in tutto il continente.
Lo stesso Bolivar pronunciò più tardi parole significative che confermavano questo fatto:

« Alexander voti Humboldt è il vero scopritore dell'America del Sud; il Nuovo Mondo deve molta più riconoscenza a lui che a tutti i Conquistadores messi insieme ».

Così, per una delle frequenti ironie della storia, la spedizione di Humboldt nel Sud-America Patrocinata e finanziata dal re di Spagna, contribuì in definitiva alla distruzione dell'impero coloniale spagnolo.

L'opera di Humboldt non finisce però qui; ci sarebbe ancora molto da dire sul periodo di intensa creatività che egli ebbe a Berlino.
Nel 1822 lo scienziato si trovava ormai ridotto in estrema povertà.
90.000 talleri dell'eredità materna (corrispondenti a circa 150 milioni di lire attuali) erano completamente sfumati nel suo lavoro di ricerca, nei suoi viaggi scientifici e nella pubblicazione della sua monumentale opera.
Egli sacrificò tutto quanto possedeva, la sua fortuna e la sua indipendenza, sull'altare della scienza.
Ridotto in miseria fu costretto ad accettare la carica di gentiluomo di camera del re: si decise a questo passo soprattutto per avere una base materiale concreta per sviluppare ulteriormente i suoi piani scientifici che erano tutt'altro che modesti.

Alexander von Humboldt considerò sempre che il fondamentale dovere degli scienziati fosse quello di servire l'umanità e di divulgare tra il popolo in modo comprensibile i risultati della ricerca scientifica.
Animato da questo spirito, nel 1827-28 tenne una serie di conferenze divulgative all'Università di Berlino, fondata da poco da suo fratello Guglielmo, sulla sua visione scientifica del mondo.

Lo scienziato autodidatta seppe comunicare il suo sapere in forma tanto comprensibile e convincente anche quando esponeva gli argomenti più complessi, che le sue conferenze divennero in breve tempo talmente popolari da attirare un pubblico sempre più numeroso, un pubblico che non trovava più posto nella grande sala dell'università prussiana; fatto questo che fino a quell'epoca non si era mai verificato.
Humboldt fu perciò invitato a replicare il suo ciclo di conferenze nella più grande sala allora disponibile a Berlino, che si trovava all'Accademia di canto dell'attuale teatro Massimo Gorki.
Come conseguenza di questo enorme successo, maturò in Humboldt un progetto a proposito del quale egli scrisse all'amico Varnhagen von Ense:

« Mi è venuta l'idea assurda di esporre in una grande opera tutto ciò che noi sappiamo del mondo materiale, dei fenomeni celesti, della vita sulla terra... Ogni grande idea, da qualunque parte essa provenga, dovrebbe poter trovare in quest'opera il posto che le compete ».

In quel momento Humboldt aveva bisogno di ricorrere a tutta la sua forza d'animo per realizzare questo progetto.
Il re era certamente molto lusingato ed onorato di avere tra i suoi gentiluomini di camera uno scienziato così illustre, però non era troppo propenso a finanziare un'opera di questo impegno.
Humboldt cercava di ottenere con tutte le sue forze quanto gli stava a cuore, ma il re si limitava a farsi esporre gli argomenti, a farsi leggere qualche relazione dei suoi viaggi e a fargli perdere un sacco di tempo in inutili conversazioni.
A Humboldt non restò altro da fare che attingere a piene mani dal materiale di studio da lui raccolto durante i numerosi viaggi e di lavorare ogni notte alla stesura del manoscritto.



Pagina degli appunti di Humboldt
durante il suo viaggio nel Sud America


Riuscì così, in due anni di tenace lavoro notturno, a terminare la sua opera grandiosa a cui diede il titolo di “Cosmos - tentativo di una descrizione scientifica del mondo”.
Si trattava di una documentazione completa dei risultati a cui erano pervenute le scienze naturali e, nello stesso tempo, di un’opera di divulgazione scientifica intesa nel miglior senso della parola.
Con la pubblicazione del “Cosmos” e con le conferenze del 1827-28 incominciò in Germania l'era della divulgazione scientifica, dell'università popolare e dell'istruzione scientifica unificata.

Ad Alexander von Humboldt va quindi il merito di esser stato il primo scienziato che abbia trasmesso al popolo le sue conoscenze scientifiche e di aver tratto da esse un orientamento generale sconosciuto fino a quel momento, data l'unilateralità e la visione ristretta delle cose che dominava nella cultura ufficiale del tempo.
Con questa visione generale e legata alla realtà delle cose egli anticipava un'esigenza che ai nostri giorni appare fondamentale per fondare un'istruzione che sia capace di assicurare lo sviluppo armonico di tutti gli uomini.

Non si può a questo punto trascurare un'ultima e non meno importante conseguenza dell'opera di Humboldt.
Il « re di tutte le scienze » (così era infatti soprannominato dai contemporanei), era perfettamente cosciente che un uomo solo non avrebbe mai potuto riassumere in sè tutte le conoscenze dello scibile e che, se anche ciò fosse avvenuto, non avrebbe mai potuto raggiungere un'elevata specializzazione in tutte le materie.
Perciò, per non correre il pericolo che la scienza, monopolizzata da un solo scienziato, sia pure eccezionalmente dotato, cadesse nella superficialità, Humboldt si preoccupò di creare dei collettivi di lavoro composti da studiosi specializzati nei singoli rami del sapere.
Così, per esempio, durante i suoi viaggi nel Sud-America e negli altri paesi egli creò una rete di 52 osservatori metereologici distribuiti in tutto il mondo.
Grazie alla sua esperienza ed alla sua enorme capacità di lavoro egli riuscì a indirizzare il lavoro di numerose schiere di specialisti passando da un campo all'altro dello scibile e percorrendo un cammino che è possibile ripercorrere soltanto con un grande sforzo scientifico.

Alexander von Humboldt fu un grande scienziato e un grande umanista.
Il suo nome è conosciuto in tutto il mondo.
Nel Sud-America si incontra frequentemente la sua statua, mentre dalla California all'Asia Centrale molte montagne portano il suo nome e così pure parecchie baie del Pacifico e città ed una delle più importanti correnti marine.
Vie, piazze, università e biblioteche gli sono dedicate.
Egli fu il primo a proporre lo scavo del canale di Panama; contribuì a far accettare a un'opinione pubblica ostile la dagherrotipia e la fotografia, inventò le maschere respiratorie e le lampade di sicurezza per il lavoro in miniera.

Fin dall'inizio questo spirito veramente universale incontrò nemici e detrattori, i quali sostenevano che, in tutta la sua attività, Humboldt non aveva scoperto in fondo nulla di veramente nuovo, nè una legge a cui legare il suo nome come avevano fatto Newton o Darwin.
E infatti questo è vero.
Ed è questa la ragione per cui l'opera di Humboldt non è presente alla nostra mente ed attuale come quella del fondatore della meccanica celeste o dello scopritore dell'evoluzione della specie.

Bisogna però anche ammettere che la grandezza di Humboldt non va ricercata in una sua singola opera o impresa, ma nell'intero complesso della sua vita e delle sue realizzazioni.
Egli non ci ha dato una singola grande scoperta, ha però offerto la possibilità alle generazioni che lo hanno seguito di comprendere scientificamente il mondo in cui viviamo.


_________________________________________________________

RIUNIONE DI FAMIGLIA (Family Reunion) Jean-Frédéric Bazille

        

RIUNIONE DI FAMIGLIA (1867)
Frédéric Bazille (1841 - 1870)
Museo d'Orsay a Parigi
Olio su tela cm. 152 x 230
CLICCA IMMAGINE per un'alta risoluzione
Pixel 1770 x 2510 - Mb 2,23




In questo ritratto di gruppo, Bazille raffigura alcuni membri della sua famiglia, che posano sulla terrazza della loro casa di Méric, vicino a Montpellier.

Si riconoscono, da sinistra a destra, Bazille, suo zio M. des Hours, i suoi genitori, sua cugina Pauline con il marito M. Teulon, sua zia Madame des Hours con la figlia Thérèse e, infine, Mare Bazille con la moglie e Camille des Hours.

L'interesse dell'artista si concentra sulla collocazione della figura umana nello spazio aperto.

La disposizione naturale dei personaggi, la chiarezza dei colori e lo studio della luce, che accentua i contrasti chiaroscurali, rivelano l'interesse di Bazille per l'opera di Manet, dimostrando anche una certa affinità stilistica con Monet, con il quale lavorò spesso.

Il rigoroso disegno, che evidenzia i volumi delle figure, e la freschezza cromatica ricordano le contemporanee opere dei Macchiaioli.


L'OPERA

Bazille dipinse questo quadro nel 1867, presentandolo al Salon dell'anno successivo.

Alla morte dell'artista passò in eredità alla famiglia e, nel 1905, Mare Bazille, fratello dell'artista, lo donò allo Stato.

Dopo un passaggio al Musée du Luxembourg, nel 1929 l'opera entrò al Louvre e, quindi, nel 1947, fu trasferita al Jeu de Paume.

Dal 1986 si trova al Museo d'Orsay, nel quale sono altre tele dello stesso artista, come "L'Atelier di Bazille" e "Il vestito rosa".


Jean-Frédéric Bazille - Pittore francese

              
Jean-Frédéric Bazille 

Montpellier 6.12.1841 
Beaune-la-Rolande 28.11.1870

Pittore impresssionista francese












Frédéric Bazille nacque nel 1841 da una ricca e colta famiglia di Montpellier, nella Francia del Sud.
La sua passione per la pittura risale agli anni giovanili, quando vide in casa del collezionista Alfred Bruyas, due quadri di Delacroix.

Nel 1860 si trasferì a Parigi dove frequentò il corso di pittura di Charles Gleyre, nel quale conobbe, divenendone amico, Pierre Auguste Renoir, Claude Monet e Alfred Sisley.

Durante la Pasqua del 1863, il gruppo partì per recarsi nella foresta di Fontainebleau, luogo ideale per disegnare all'aria aperta.

I rapporti con i pittori impressionisti, nell'estate del 1864, s'infittirono e trascorse un periodo a Honfleur, sulla Senna, insieme a Monet, Boudin e Jongkind.

Influenzato da Manet e da Courbet, Bazille si dedicò con passione alla rappresentazione della figura all'aria aperta; posò per La colazione sull'erba di Monet e lui stesso eseguì il vestito rosa dove una figura è ritratta in ombra con lo sfondo di un paesaggio serale estivo.

La sua pittura non trovò il consenso sperato, tanto che al Salon del 1867, delle due opere presentate, la giuria scelse solo Natura morta con pesci.

Grazie alle sue buone risorse finanziarie, Bazille aiutò spesso i suoi amici: comprò a rate "Donne in giardino" di Monet e ospitò nel proprio studio, a Batignolles, Renoir.

Allo scoppio della guerra franco-prussiana, Bazille si arruolò volontario negli zuavi e cadde nel campo di battaglia di Bearne-la-Rolande, il 28 novembre 1870.






IL GIURAMENTO DEGLI ORAZI (The Oath of the Horatii) Jacques Louis David

      

IL GIURAMENTO DEGLI ORAZI (1784)
Jacques Louis David (1748 - 1825)
Pittore francese
Museo del Louvre a Parigi
Tela cm 330 x 425 
CLICCA IMMAGINE per un'alta risoluzione
Pixel 1770 x 2500 - Mb 1,94


"Il giuramento degli Orazi" può essere considerato come il manifesto del neoclassicismo, quindi come momento di rottura con la pittura di facile lettura degli artisti francesi come Boucher, che fino ad allora erano stati favoriti del re.

La scena che sembra tratta da un bassorilievo romano si svolge entro un ambiente che richiama i nitidi caratteri dell'architettura antica.

I personaggi, vestiti fedelmente all'antica, sono organizzati in tre gruppi: i centurioni che giurano di vincere o di morire sulla sinistra, le due donne piangenti e la madre che protegge i figli sulla destra, al centro il padre che esorta i figli alla vittoria offrendo loro delle armi.

Per David l'antico diviene modello non solo formale ma anche morale, tanto che egli sceglie di rappresentare il momento di maggiore drammaticità fissando i suoi personaggi in una immobilità definitiva.

Considerato oggi uno dei capolavori di David, quando il dipinto venne esposto all'Accademia di Francia a Roma, la critica si abbandonò a feroci commenti, scandalizzata da "quello squallido portico costruito con rozze colonne e rozzi muri per mettere in evidenza la semplicità dei tempi".


L'OPERA

Per ironia della sorte il dipinto, impregnato di idee repubblicane, venne commissionato a David da Luigi XVI.

Eseguito durante il soggiorno a Roma, fu esposto nel 1784 nell'Accademia di Francia, allora presso Palazzo Mancini..., nel 1785 venne spedito a Parigi per essere esposto al Salon dove ricevette una migliore accoglienza rispetto all'insuccesso registrato a Roma.

Nel 1798 il quadro venne esposto al Musée de 1'École Française a Versailles, allora in fase di organizzazione, quindi nel 1803 fu trasferito al Musée du Luxembourg e dopo la morte di David sistemato al Louvre.

Dell'opera esiste un considerevole numero di disegni preparatori.


VEDI ANCHE . . .

La vita di JACQUES LOUIS DAVID

LE SABINE (1799) - Jacques-Louis David

LA MORTE DI MARAT - Jacques-Louis David

LA MORTE DI JOSEPH BARA - Jacques Louis David

L'INCORONAZIONE DI NAPOLEONE I (1805 - 1807) Jacques Louis David

RITRATTO DI PIO VII (1805) - Jacques-Louis David


Afrodisiaco (1) Aglietta (1) Albani (2) Alberti (1) Alda Merini (1) Alfieri (4) Altdorfer (2) Alvaro (1) Amore (2) Anarchici (1) Andersen (1) Andrea del Castagno (3) Andrea del Sarto (4) Andrea della Robbia (1) Anonimo (2) Anselmi (1) Antonello da Messina (4) Antropologia (7) APPELLO UMANITARIO (5) Apuleio (1) Architettura (4) Arcimboldo (1) Ariosto (4) Arnolfo di Cambio (2) Arp (1) Arte (4) Assisi (1) Astrattismo (3) Astrologia (1) Astronomia (3) Attila (1) Aulenti (1) Autori (7) Avanguardia (11) Averroè (1) Baccio della Porta (2) Bacone (2) Baldovinetti (1) Balla (1) Balzac (2) Barbara (1) Barocco (1) Baschenis (1) Baudelaire (2) Bayle (1) Bazille (4) Beato Angelico (6) Beccafumi (3) Befana (1) Bellonci (1) Bergson (1) Berkeley (2) Bernini (1) Bernstein (1) Bevilacqua (1) Biografie (11) Blake (2) Boccaccio (2) Boccioni (2) Böcklin (2) Body Art (1) Boiardo (1) Boito (1) Boldini (3) Bonheur (3) Bonnard (2) Borromini (1) Bosch (4) Botanica (1) Botticelli (7) Boucher (9) Bouts (2) Boyle (1) BR (1) Bramante (2) Brancati (1) Braque (1) Breton (3) Brill (2) Brontë (1) Bronzino (4) Bruegel il Vecchio (3) Brunelleschi (1) Bruno (2) Buddhismo (1) Buonarroti (1) Byron (2) Caillebotte (2) Calcio (1) Calvino (2) Calzature (1) Camillo Prampolini (1) Campanella (4) Campin (1) Canaletto (4) Cancro (2) Canova (2) Cantù (1) Capitalismo (3) Caravaggio (19) Carlevarijs (2) Carlo Levi (3) Carmi (1) Carpaccio (3) Carrà (1) Carracci (4) Carriere (1) Carroll (1) Cartesio (3) Casati (1) Cattaneo (1) Cattolici (1) Cavalcanti (1) Cellini (2) Cervantes (3) Cézanne (19) Chagall (3) Chardin (4) Chassériau (2) Chaucer (1) CHE GUEVARA (1) Cialente (1) Cicerone (8) Cimabue (4) Cino da Pistoia (1) Città del Vaticano (3) Clarke (1) Classici (26) Classicismo (1) Cleland (1) Collins (1) COMMUNITY (2) Comunismo (28) Condillac (1) Constable (4) Copernico (2) Corano (1) Cormon (2) Corot (9) Correggio (4) Cosmesi (1) Costa (1) Courbet (9) Cousin il giovane (2) Couture (2) Cranach (3) Crepuscolari (1) Crespi (2) Crespi detto il Cerano (1) Creta (2) Crispi (1) Cristianesimo (3) Crivelli (2) Croce (1) Cronin (1) Cubismo (1) CUCINA (9) Cucina friulana (2) D'Annunzio (1) Dadaismo (1) Dalì (5) Dalle Masegne (1) Dante Alighieri (8) Darwin (2) Daumier (6) DC (1) De Amicis (1) De Champaigne (2) De Chavannes (1) De Chirico (4) De Hooch (2) De La Tour (4) De Nittis (2) De Pisis (1) De' Roberti (2) Defoe (1) Degas (16) Del Piombo (4) Delacroix (6) Delaroche (2) Delaunay (2) Deledda (1) Dell’Abate (2) Derain (2) Descartes (2) Desiderio da Settignano (1) Dickens (8) Diderot (2) Disegni (2) Disegni da colorare (10) Disegni Personali (2) Disney (1) Dix (3) Doganiere (5) Domenichino (2) Donatello (4) Donne nella Storia (42) Dossi (1) Dostoevskij (7) DOTTRINE POLITICHE (75) Dova (1) Du Maurier (1) Dufy (3) Dumas (1) Duprè (1) Dürer (9) Dylan (2) Ebrei (9) ECONOMIA (7) Edda Ciano (1) Edison (1) Einstein (2) El Greco (9) Eliot (1) Elsheimer (2) Emil Zola (3) Energia alternativa (6) Engels (10) Ensor (3) Epicuro (1) Erasmo da Rotterdam (1) Erboristeria (7) Ernst (3) Erotico (1) Erotismo (4) Esenin (1) Espressionismo (3) Etruschi (1) Evangelisti (3) Fallaci (1) Fantin-Latour (1) Fascismo (26) Fattori (4) Faulkner (1) Fautrier (1) Fauvismo (1) FAVOLE (2) Fedro (1) FELICITÀ (1) Fenoglio (2) Ferragamo (1) FIABE (6) Fibonacci (1) Filarete (1) Filosofi (1) Filosofi - A (1) Filosofi - F (1) Filosofi - M (1) Filosofi - P (1) Filosofi - R (1) Filosofi - S (1) FILOSOFIA (55) Fini (1) Finkelstein (1) Firenze (1) Fisica (5) Fitoterapia (10) Fitzgerald (1) Fiume (1) Flandrin (1) Flaubert (4) Fogazzaro (2) Fontanesi (1) Foppa (1) Foscolo (6) Fougeron (1) Fouquet (4) Fra' Galgario (2) Fra' Guglielmo da Pisa (1) Fragonard (9) Frammenti (1) Francia (2) François Clouet (2) Freud (1) Friedrich (5) FRIULI (8) Futurismo (3) Gadda (2) Gainsborough (14) Galdieri (1) Galilei (2) Galleria degli Uffizi (1) Gamberelli (1) Garcia Lorca (1) Garcìa Lorca (1) Garibaldi (2) Gassendi (1) Gauguin (17) Gennaio (1) Gentile da Fabriano (2) Gentileschi (2) Gerard (1) Gérard (1) Gérard David (2) Géricault (7) Gérôme (2) Ghiberti (1) Ghirlandaio (2) Gialli (1) Giallo (1) Giambellino (1) Giambologna (1) Gianfrancesco da Tolmezzo (1) Gilbert (1) Ginzburg (1) Gioberti (1) Giordano (3) Giorgione (15) Giotto (12) Giovanni Bellini (10) Giovanni della Robbia (1) Giovanni XXIII (8) Giustizia (1) Glossario dell'arte (19) Gnocchi-Viani (1) Gobetti (1) Goethe (9) Gogol' (2) Goldoni (1) Gončarova (2) Gorkij (3) Gotico (1) Goya (11) Gozzano (2) Gozzoli (1) Gramsci (4) Grecia (2) Greene (1) Greuze (4) Grimm (2) Gris (2) Gros (7) Grosz (3) Grünewald (5) Guadagni (1) Guardi (6) Guercino (1) Guest (1) Guglielminetti (1) Guglielmo di Occam (1) Guinizelli (1) Gutenberg (2) Guttuso (4) Hals (3) Hawthorne (1) Hayez (4) Heckel (1) Hegel (6) Heine (1) Heinrich Mann (1) Helvétius (1) Hemingway (3) Henri Rousseau (3) Higgins (1) Hikmet (1) Hobbema (2) Hobbes (1) Hodler (1) Hogarth (4) Holbein il Giovane (4) Hugo (1) Hume (2) Huxley (1) Il Ponte (2) Iliade (1) Impressionismo (85) Indiani (1) Informale (1) Ingres (7) Invenzioni (31) Islam (5) Israele (1) ITALIA (2) Italo Svevo (5) Jacopo Bellini (4) Jacques-Louis David (9) James (1) Jean Clouet (2) Jean-Jacques Rousseau (3) Johns (1) Jordaens (2) Jovine (3) Kafka (3) Kandinskij (4) Kant (9) Kautsky (1) Keplero (1) Kierkegaard (1) Kipling (1) Kirchner (4) Klee (3) Klimt (4) Kollwitz (1) Kuliscioff (1) Labriola (2) Lancret (3) Land Art (1) Larsson (1) Lavoro (2) Le Nain (3) Le Sueur (2) Léger (2) Leggende (1) Leggende epiche (1) Leibniz (1) Lenin (7) Leonardo (43) Leopardi (3) Letteratura (22) Levi Montalcini (1) Liala (1) Liberalismo (1) LIBERTA' (28) LIBRI (23) Liotard (5) Lippi (5) Locke (4) Lombroso (1) Longhi (3) Lorenzetti (3) Lorenzo il Magnifico (1) Lorrain (5) Lotto (6) Luca della Robbia (1) Lucia Alberti (1) Lucrezio (2) Luini (2) Lutero (3) Macchiaioli (1) Machiavelli (10) Maderno (1) Magnasco (1) Magritte (4) Maimeri (1) Makarenko (1) Mallarmé (2) Manet (14) Mantegna (8) Manzoni (4) Maometto (4) Marcks (1) MARGHERITA HACK (1) Marquet (2) Martini (7) Marx (17) Marxismo (9) Masaccio (7) Masolino da Panicale (1) Massarenti (1) Masson (2) Matisse (6) Matteotti (2) Maupassant (1) Mauriac (1) Mazzini (5) Mazzucchelli detto il Morazzone (1) Medicina (4) Medicina alternativa (23) Medicina naturale (17) Meissonier (2) Melozzo da Forlì (2) Melville (1) Memling (4) Merimée (1) Metafisica (4) Metalli (1) Meynier (1) Micene (2) Michelangelo (11) Mickiewicz (1) Millais (1) Millet (4) Minguzzi (1) Mino da Fiesole (1) Miró (2) Mistero (10) Modigliani (4) Molinella (1) Mondrian (4) Monet (14) Montaigne (1) Montessori (2) Monti (3) Monticelli (2) Moore (1) Morandi (4) Moreau (4) Morelli (1) Moretto da Brescia (2) Morisot (3) Moroni (2) Morse (1) Mucchi (16) Munch (2) Murillo (4) Musica (14) Mussolini (5) Mussulmani (5) Napoleone (11) Natale (8) Nazismo (17) Némirovsky (1) Neo-impressionismo (3) Neoclassicismo (1) Neorealismo (1) Neruda (2) Newton (2) Nietzseche (1) Nievo (1) Nobel (1) Nolde (2) NOTIZIE (1) Nudi nell'arte (52) Odissea (1) Olocausto (6) Omeopatia (18) Omero (2) Onorata Società (1) Ortese (1) Oudry (1) Overbeck (2) Ovidio (1) Paganesimo (1) Palazzeschi (1) Palizzi (1) Palladio (1) Palma il Vecchio (1) Panama (1) Paolo Uccello (5) Parapsicologia (1) Parini (3) Parmigianino (3) Pascal (1) Pascoli (3) Pasolini (3) Pavese (3) Pedagogia (2) Pellizza da Volpedo (2) PERSONAGGI DEL FRIULI (30) Perugino (3) Petacci (1) Petrarca (4) Piazzetta (2) Picasso (8) Piero della Francesca (8) Piero di Cosimo (2) Pietro della Cortona (1) Pila (2) Pinturicchio (2) Pirandello (2) Pisanello (2) Pisano (1) Pissarro (10) Pitagora (1) Plechanov (1) Poe (1) Poesie (4) Poesie Classiche (18) POESIE di DONNE (2) Poesie personali (16) POETI CONTRO IL RAZZISMO (1) POETI CONTRO LA GUERRA (18) Poliziano (1) Pollaiolo (4) Pomodoro (1) Pomponazzi (1) Pontano (1) Pontormo (1) Pop Art (1) Poussin (9) Pratolini (1) Premi Letterari (3) Prévost (1) Primaticcio (2) Primo Levi (1) Problemi sociali (2) Procaccini (1) PROGRAMMI PC (1) Prostituzione (1) Psicoanalisi (1) PSICOLOGIA (5) Pubblicità (1) Pulci (1) Puntitismo (3) Puvis de Chavannes (1) Quadri (2) Quadri personali (1) Quarton (2) Quasimodo (1) Rabelais (1) Racconti (1) Racconti personali (1) Raffaello (20) Rasputin (1) Rauschenberg (1) Ravera (1) Ray (1) Razzismo (1) Realismo (3) Rebreanu (1) Recensione libri (15) Redon (1) Regina Bracchi (1) Religione (7) Rembrandt (10) Reni (4) Renoir (19) Resistenza (8) Ribera (4) RICETTE (3) Rimbaud (2) Rinascimento (3) RIVOLUZIONARI (55) Rococò (1) Roma (6) Romantici (1) Romanticismo (1) Romanzi (3) Romanzi rosa (1) Rossellino (1) Rossetti (1) Rosso Fiorentino (3) Rouault (1) Rousseau (3) Rovani (1) Rubens (13) Russo (1) Sacchetti (1) SAGGI (11) Salute (16) Salvator Rosa (2) San Francesco (5) Sannazaro (2) Santi (1) Sassetta (2) Scapigliatura (1) Scheffer (1) Schiele (3) Schmidt-Rottluff (1) Sciamanesimo (1) Sciascia (2) Scienza (8) Scienziati (13) Scipione (1) Scoperte (33) Scoto (1) Scott (1) Scrittori e Poeti (24) Scultori (2) Segantini (2) Sellitti (1) Seneca (2) Sereni (1) Sérusier (2) Sessualità (5) Seurat (3) Severini (1) Shaftesbury (1) Shoah (7) Signac (3) Signorelli (2) Signorini (1) Simbolismo (2) Sindacato (1) Sinha (1) Sironi (2) Sisley (3) Smith (1) Socialismo (45) Società segrete (1) Sociologia (4) Socrate (1) SOLDI (1) Soldi Internet (1) SOLIDARIETA' (6) Solimena (2) Solženicyn (1) Somerset Maugham (3) Sondaggi (1) Sorel (2) Soulages (1) Soulanges (2) Soutine (1) Spagna (1) Spagnoletto (4) Spaventa (1) Spinoza (2) Stampa (2) Steinbeck (1) Stendhal (1) Stevenson (4) Stilista (1) STORIA (68) Storia del Pensiero (81) Storia del teatro (1) Storia dell'arte (123) Storia della tecnica (24) Storia delle Religioni (47) Stubbs (1) Subleyras (2) Superstizione (1) Surrealismo (1) Swift (3) Tacca (1) Tacito (1) Tasca (1) Tasso (2) Tassoni (1) Ter Brugghen (2) Terapia naturale (18) Terracini (1) Thomas Mann (6) Tiepolo (4) Tina Modotti (1) Tintoretto (8) Tipografia (2) Tiziano (18) Togliatti (2) Toland (1) Tolstoj (2) Tomasi di Lampedusa (3) Toulouse-Lautrec (5) Tradizioni (1) Troyon (2) Tura (2) Turati (2) Turgenev (2) Turner (6) UDI (1) Ugrešić (1) Umanesimo (1) Umorismo (1) Ungaretti (3) Usi e Costumi (1) Valgimigli (2) Van Der Goes (3) Van der Weyden (4) Van Dyck (6) Van Eyck (8) Van Gogh (15) Van Honthors (2) Van Loo (2) Vangelo (3) Velàzquez (8) Veneziano (2) Verdura (1) Verga (10) Verismo (10) Verlaine (5) Vermeer (8) Vernet (1) Veronese (4) Verrocchio (2) VIAGGI (2) Viani (1) Vico (1) Video (13) Vigée­-Lebrun (2) VINI (3) Virgilio (3) Vittorini (2) Vivanti (1) Viviani (1) Vlaminck (1) Volta (2) Voltaire (2) Vouet (4) Vuillard (3) Warhol (1) Watson (1) Watteau (9) Wells (1) Wilde (1) Winterhalter (1) Witz (2) Wright (1) X X X da fare (34) Zurbarán (3)