mercoledì 23 gennaio 2008

LA SEDIA DI VINCENT (Vincent's Chair) - Vincent Van Gogh

     
LA SEDIA DI VINCENT (1888) 
Vincent Van Gogh (1853 – 1890)
Tate Gallery – Londra
Olio su tela cm. 92 x 73



Questo dipinto, firmato “Vincent”sulla cassetta delle cipolle posta sopra il pavimento, passò dalla Collezione J.Van Gogh-Bonger a quella di V. W. Van Gogh nel 1924. Venne in seguito donata alla Tate Gallery di Londra dalla Courtauld Foundation che l'aveva acquistata alla Leicester Gallery.

L’OPERA

Questo dipinto è conosciuto anche come SEDIA GIALLA o LA SEDIA E LA PIPA, e non può essere analizzato se non viene strettamente collegato all’esperienza esistenziale di Vincent Van Gogh ..., esso infatti venne eseguito nel novembre del 1888,ovvero durante il periodo della convivenza dell’artista con Gauguin ad Arles, quando ancora non vi erano avvisaglie di dissidio tra i due.
La composizione rappresenta un curioso assemblaggio tra natura morta, della quale conserva il gusto della disposizione degli oggetti, come la pipa accuratamente posta sulla sedia, e quello della descrizione di un interno. Sappiamo che al tempo in cui Van Gogh dipinse questa opera era usuale che lasedia fosse oggetto di studio degli studenti, ma appare più verosimile che invece l’artista abbia attribuito al soggetto dei significati simbolici… a scelta di puntare l’attenzione solo sulla sedia eliminando del tutto il resto della camera da letto, dove il mobile era sistemato, deve essere intesa come la decisione di riprodurre fedelmente la propria personalità e i propri ideali.


A quest’opera fa da pendant LA SEDIA DI GAUGUIN (Amsterdam, RijksmuseumVan Gogh), iniziata nello stesso periodo che presenta gli stessi principi concettuali…, qui la presenza dei libri sulla sedia indica l’alta considerazione che l’artista aveva per la lettura, elemento fondamentale per arricchire lo spirito. Stavolta la sedia è collocata in una stanza buia, rischiarata solo da una lampada a gas e da una candela simbolo della creatività dell’amico, fonte di ispirazione in tempi bui.
Sappiamo che Van Gogh avrebbe voluto completare la serie delle sedie ponendo tra queste due tele un terzo pannello raffigurante libri e due laterali raffiguranti campi e boschetti di ulivi immersi in una luce crepuscolare.
Il significato del complesso decorativo avrebbe dovuto portare a confronto i frutti della natura con quelli dello spirito.





DUE NOTE SU VINCENT VAN GOGH

Nato a Groot-Zundert (Olanda) nel 1853, morì ad Auvers-sur-Orge nel 1890.
Solo dopo aver tentato senza successo le vie del commercio, dell’insegnamento e della predicazione evangelica, scoprì nell’arte figurativa la sua vera vocazione.
Fu in contatto con gli Impressionisti, in particolare con Pissarro, Seurat, Toulouse-Lautrec, Gauguin e si diede a lavorare senza sosta, malgrado andasse sviluppandosi in lui la pazzia. Tra l’altro si tagliò egli stesso un orecchio in segno di pentimento dopo un litigio con l’amico Gauguin…, trascorse un anno di internamento in manicomio, poi volle ritornare a lavorare, ma, preso dallo sconforto, si uccise. Dopo aver seguito per un certo tempo Millet, Delacroix e gli altri, trovò formule nuove per esprimere la sua spiritualità tormentata e prendendo a modello oggetti comuni (LA SEDIA…, SCARPE ROTTE…, GIRASOLI…, IL LETTO) o figure di popolani e marinai, o paesaggi, seppe animarli di luce, di sogno,di sentimento. Van Gogh capì che l’arte doveva servire a trasformare la società e l’esperienza che l’uomo fa del mondo… in questo senso Vincent inaugura l’esperienza figurativa sotto l’insegna dell’Espressionismo, che in effetti farà della proposta di Van Gogh (arte come azione e vita) il punto di partenza delle sue teorie. Il colore per Van Gogh non si esaurisce mai in se stesso, bensì è il tramite per manifestare un sentimento o un pensiero. Questa attribuzione di un valore simbolico è espressa chiaramente in questa formula… “Al posto di cercar di rendere esattamente ciò che ho davanti agli occhi, io mi servo dei colori arbitrariamente per esprimermi in maniera più forte”.
Ed è proprio questo uso violento, psicologico del colore che fa di Van Gogh il precursore dell’arte moderna di tipo espressionista.


OPERE DI VAN GOGH...

La vita di Vincent VAN GOGH

VASO CON I GIRASOLI

VASO CON IRIS

LA SEDIA DI VINCENT

CAMERA DA LETTO

CONTADINI IN SIESTA

CAMPO VERDE DI GRANO

AUTORITRATTO CON CAPPELLO DI FELTRO (Self Portrait)

CHAUMES DE CORDEVILLE (Stoppie a Cordeville)


SIGNORE DI ARLES (Ladies of Arles) - Vincent Van Gogh

PAESAGGIO CON CIELO TEMPESTOSO - Vincent Van Gogh

LA CONTADINA ALL'ARCOLAIO (1885) - Vincent Van

NOTTE STELLATA - Vincent Van Gogh

VAN GOGH e GAUGUIN a ARLES




LA COSCIENZA DI ZENO (Confessions of Zeno) - Italo Svevo


INTRODUZIONE



Tutta l’esperienza letteraria di Italo Svevo si svolse contemporaneamente, e con notevolissime analogie, a quella di Pirandello. Svevo (il cui vero nome era Ettore Schmitz) nacque a Trieste nel 1861.

Dopo aver iniziato, obbedendo a una tradizione della famiglia, gli studi commerciali, fu costretto a trovarsi un lavoro, a causa del fallimento del padre. Impiegato in una banca, Svevo cercò nei libri e negli studi letterari una via d’uscita alla mediocrità della sua situazione, puntando su di essi la carta delle proprie ambizioni.
Gli furono di stimolo le opere dei narratori francesi, e di Zola in particolare, i classici italiani dal Boccaccia a Guicciardini, e infine De Sanctis. Tra il 1892 e il 1898 egli dette concretezza ai suoi tentativi pubblicando due romanzi, “Una vita” e “Senilità”.
Ma non ebbero fortuna e Svevo smise quasi del tutto di scrivere. In questo periodo di delusione e di ripensamenti, rivolse la sua attenzione a quanto la letteratura europea andava esprimendo attraverso l’alto ingegno di uomini come l’irlandese James Joyce (di cui Svevo fu grande amico) e il francese Marcel Proust, e a quanto una particolare scienza, la psicanalisi,veniva proponendo attraverso le opere del suo fondatore, il tedesco Sigmund Freud (1856 – 1939).

Da queste esperienze Svevo trasse una lezione che trasferì nel suo terzo romanzo, apparso, dopo un silenzio di venticinque anni, nel 1923… “La coscienza di Zeno”.
Quest’opera, completamente diversa dalle prime, dal tono gelidamente ironico, doveva procurargli un enorme quanto meritato successo. Ma fu una gloria che assaporò per poco, cessando egli di vivere qualche anno più tardi, nel 1928.

La prosa di Svevo, come ho già detto, ha dei punti di contatto con quella pirandelliana…, primo fra tutti, la malattia dell’uomo moderno che si chiama solitudine o alienazione. I personaggi di Svevo avvertono con piena consapevolezza la portata della loro crisi, e quanto più ne sono coscienti tanto più essi appaiono destinati all’inerzia, alla non azione. Subiscono la realtà, certi della loro inevitabile sconfitta…, nella loro crisi individuale si riverbera quella di una classe, la borghesia, impotente a risolvere i problemi che investono la società italiana e europea.


LA COSCIENZA DI ZENO

La distruzione del mondo – La visione pessimistica di Svevo si presenta, nel suo terzo e più fortunato romanzo, con l’abito di un’allegra cordialità e di un’ironia tanto distaccata quanto feroce.

La biografia del protagonista, Zeno, la storia di tanti fallimenti successivi che poi, per un capriccio la vita s’incarica di rendere vantaggiosi. Zeno è l’uomo che non sapendo guarirsi, con una semplice rinuncia, dal vizio del fumare, arriva alla più grave rinuncia di farsi rinchiudere in una casa di cura (con tutte le comiche e paradossali conseguenze… corruzione dell’infermiera per avere sigarette, evasione notturna, sospetti sulla fedeltà della moglie che forse in quel momento lo tradirà col dottore).

E’ l’uomo che conserva la prosperità economica, proprio perché è sempre deluso nei suoi disastrosi tentativi di fare affari. Per incapacità di esimersi da un vago impegno, sposa la seconda delle sorelle Malfenti, dopo essere stato rifiutato dalla prima e dalla terza, che amava… e trova in costei la moglie ideale.

Egli è il malato che accompagna al cimitero molti sani…, è l’inetto che salva la posizione finanziaria del brillante cognato Guido. Non ha o crede di non aver tatto, e riesce a tradire la moglie senza destare il minimo sospetto, mentre il cognato, nelle sue stesse condizioni, fa nascere un finimondo di gelosie.

Zeno è la conseguenza degli altri personaggi di Svevo, per il quale la vita è un male…, conseguenza rincarata dall’ulteriore, ironica constatazione che non tutto il male viene per nuocere…

Il romanzo consiste dunque nel racconto che Zeno, stimolato dalla psicanalisi, fa della sua vita. Non si tratta però di una pura e semplice autobiografia…, ricordando gli episodi della sua esistenza, Zeno li sottopone a una minuziosa e spietata analisi, mettendone in rilievo l’incongruenza. Ne viene fuori il ritratto di un personaggio singolarmente “dissociato”…, ai sentimenti comuni e conformistici che si agitano nella sua coscienza, suggerendogli determinati comportamenti, si contrappone un modo di pensare spregiudicato e anticonformista. Questo agire in un modo e pensare in un altro del tutto opposto fa smarrire a Zeno ogni criterio di comportamento.

Nel definire il carattere del protagonista, Svevo irride alle norme, alle abitudini di vita della borghesia, gabbate come atti di saggezza ma che nascondono, in effetti, una desolante inconsistenza morale.

Lo scrittore triestino utilizza, per il suo racconto, la forma del “monologo interiore” (le parole riproducono il flusso dei pensieri del protagonista) già adottata da Joyce nel suo celeberrimo romanzo “Ulisse” e che capovolge la struttura della narrazione ottocentesca.

X X X

ALESSANDRO MANZONI - Vita e opere (Life and Work)

REALISMO DEL MANZONI


Alessandro Manzoni è certamente qualcosa di più che un eccelso scrittore, egli può essere considerato l'interprete, sul piano della cultura, del carattere e delle aspirazioni delle classi borghesi - e non soltanto lombarde - che si muovono, dopo una difficile esperienza storica e politica, verso l'obiettivo dell'unità d'Italia e della democrazia.
Poche sono le date che segnano momenti decisivi nella vita di Alessandro Manzoni. E sono tutte, si può dire, concentrate nei primi tre decenni dell'800.
Eppure la sua presenza, lungo il secolo, si prolungò ben oltre la metà di esso e fu contemporanea ad avvenimenti che trasformarono completamente il volto della penisola italiana, che diedero finalmente una patria agli italiani.
Nato a Milano il 7 marzo 1785, quattro anni prima che scoppiasse la Rivoluzione Francese, vide l'Impero napoleonico e il suo crollo, la Restaurazione e la Santa Alleanza, i primi moti carbonari, su su fino alle insurrezioni del '48 alla guerra del '59, alla proclamazione del Regno.
Se non proprio di spettatore distaccato, il suo tuttavia fu sempre un atteggiamento estremamente moderato…, egli non si impegnò mai nell'azione, la sua fu… anche se circondata dall'ammirazione, dall'affetto, dalla venerazione di molti… una vita solitaria e modesta, nella quale ciò che accadeva fuori dalla sua villa di Brusuglio nella Brianza, o dalla sua casa di via Morone a Milano lasciava soltanto una eco.
Ed eccole, dunque, queste date del primo triennio del secolo. Nel 1801 Alessandro sedicenne lascia il collegio Longone.
Figlio di una famiglia nobile… suo padre, Pietro, era un proprietario terriero oriundo della Valsassina, sua madre, Giulia Beccaria, era figlia di Cesare Beccaria (l'autore del celebre saggio "Dei delitti e delle pene")… aveva avuto una educazione letteraria raffinata…, anche se impartita in Istituti tenuti da religiosi, piena delle idee illuministiche.
Come stupirsi quindi se… ammiratore del Parini, dell'Alfieri e del Monti, nel campo della poesia, e dei giacobini in politica, a quell'età si mette a scrivere un poema che narra il "Trionfo della Libertà" esaltando la Rivoluzione Francese ?
Riporto qualche verso. Brutto, magari, ma interessante per renderci conto dell'influenza che il giacobinismo poteva esercitare persino su un giovinetto allievo dei padri Comaschi e dei Barnabitj.


Ecco che si fa avanti la Libertà, con due
bandiere spiegate, sulle quali sta scritto…
- Pace a le genti, guerra ai tiranni.
Quinci è colei, che del comun diritto
Vindice, a l'ima plebe i grandi agguaglia,
Sol disuguai per merito o per delitto…
E se ne vede che un capo in alto saglia
E sdegni assoggettarsi alla sua libra
Alza la scure adeguatrice, e taglia.
Evvi una cruda, che uno stile innalza
E 'l caccia in mano all'uomo e dice… "scanna"
E forsennata va di balza in balza
Nera coppa di sangue ella tracanna
E lacerando umane membra a brani
Le spinge dentro a l'insaziabil canne…
Sapete chi è questa "cruda" che tracanna da nere coppe? La religione.
Ma Alessandro non s'accontenta, e aggiunge…
Langue il popolo per fame, e grida "pane"
E gozzoviglia stansi e in esultanza
Le Frini e i Duci, turba che di vane
Larve di fasto gonfie e di burbanza
Spregia il volgo, onde nacque, e a cui comanda.

Dall'ateismo al grido di ribellione contro Frini e Duci, c'è proprio tutto nel "Trionfo della Libertà".
Gli anni giovanili rappresentano un periodo non molto importante ma pieno di fervore nella vita di Manzoni.
Oltre al già ricordato poemetto "Il trionfo della libertà", scrisse "L'autoritratto", un sonnetto ispirato a quello omonimo dell'Alfieri, le odi "Qual su le cinzie cime" e " "Nove fanciulle d'immortal bellezza", di impronta neoclassica e nelle quali evidente appare l'influenza del Monti. A queste poesie vanno ancora aggiunti i quattro "Sermoni", una denuncia "alla Parini" del malcostume del tempo e del lusso sfrenato delle classi ricche.
Passeranno quindici anni, e Manzoni scriverà gli "Inni sacri". Tuttavia mai egli rinnegherà quei versi giovanili…
" Li riconosco per miei, come follia di giovanile impegno, come dote di puro e virile animo".


Negli anni successivi, tra il 1801 e il 1805, stringe rapporti di amicizia con numerosi intellettuali milanesi e con gli esuli napoletani, primo fra tutti Vincenzo Cuoco. Da questi è indotto a riflettere sul valore delle opere di Vico e delMacchiavelli, cosa che lo porta a mitigare notevolmente i suoi giovanili entusiasmi per le idee illuministiche e a considerare l'unità e l'indipendenza della patria come il problema di fondo che si pone alle coscienze e all'azione degli italiani.
Nel 1805, mentre il regime napoleonico è al suo apice, ecco Manzoni a Parigi. Ha raggiunto sua madre, che fin dal 1795 aveva abbandonato il padre, per seguire il suo amante Carlo Imbonati.
Questi, quando Alessandro arriva nella capitale francese, è già morto… Lasciando Giulia sua erede universale. Madre e figlio iniziano un percorso di viaggi. Il soggiorno nella capitale francese, che si protrarrà per circa cinque anni, è importantissimo per la sua maturazione culturale.
Entra in rapporto con la scrittrice M.me De Staèl, con lo storico Fauriel, di cui sarà molto amico, con le moderne correnti ideologiche europee. Studia le letterature del '600 e del '700, dà ampio respiro alla sua preparazione e alle sue conoscenze.
In questo ambiente inizia in lui un processo di costante evoluzione che approderà, nel 1801, nel ritorno alla fede religiosa.
Sulla sua "conversione" influiscono, senza dubbio, episodi particolari e importanti della sua vita, come il matrimoniocontratto, nel 1808, con Enrichetta Blondel, una ragazza svizzera di Ginevra cresciuta in una famiglia calvinista ma anch'essa convertitasi al Cattolicesimo, e come l'amicizia che lo lega al sacerdote genovese Eustachio Degola.
Dall'indifferenza giovanile… a contatto con gli ambienti cattolici parigini e, più genericamente, con quelli dove ormai regna il romanticismo… Alessandro si avvicina al cattolicesimo. Ma un cattolicesimo filtrato attraverso il Giansenismo, carico di elementi culturali, pieno di fermenti "liberali". Non è certo, il suo, cattolicesimo di Controriforma…, non è oscurantista, teocratico, temporalistico.
Esso si basa su colloquio diretto del credente con la divinità, intesa non teologicamente, ma nel modo più immediato, sincero, diretto, simile a quello della gente semplice ed umile.
A Parigi compose la più importante delle sue opere giovanili, il "Carme in morte di Carlo Imbonati". E' un colloquio che Manzoni s'immagina di condurre con l'Imbonati stesso cui fa esprimere una serie di osservazioni e consigli sul modo di condurre l'esistenza. Il "Carme" rappresenta una sorta di severo e doloroso programma di vita che Manzoni traccia per se stesso, tutto basato sull'impegno morale.
Sempre a Parigi scrisse, mel 1809, un poemetto a carattere mitologico, "Urania", di cui però si dichiarò ben presto scontentissimo.
Ricelebrato con rito cattolico il matrimonio con Enrichetta, nel 1810 Manzoni lascia Parigi, e si stabilisce nella villa di Brusuglio.
Nel 1815 vedono la luce gli "Inni sacri", "La Resurrezione", "Il nome di Maria", "Il Natale", "La Passione", sono componimenti poetici in cui i temi più ardui del cristianesimo vengono assunti come motivo di poesia, di una poesia semplice, immediata, senza disquisizioni teologiche, con un tono familiare, dimesso. A questi quattro inni, seguirà più tardi, quello dedicato alla "Pentecoste"… in cui il cristianesimo è sentito e presentato come parola di fraternità, di uguaglianza e di giustizia per tutti gli uomini.
L'apparizione degli "inni sacri" fu un avvenimento importante per la storia del romanticismo italiano. Nell'itinerario spirituale manzoniano, essi sono altrettanto importanti perché la avvicinano al suo mondo, chiarendo con lui stesso la sua concezione del cristianesimo che poi sarà materia di dramma e di romanzo più avanti.
Quando, nel 1821, Carlo Alberto accetta la costituzione, e la gente si aspetta la guerra all'Austria, il Manzoni scrive l'ode "Marzo 1821".
La libertà della patria, la lotta per l'indipendenza sono sentite come atti di solenne giustizia cristiana.
Altro avvenimento importante dell'anno, la morte di Napoleone. Manzoni apprese solo il 17 luglio del 1821, dalla "Gazzetta", della scomparsa di Napoleone, avvenuta oltre due mesi prima nell'isola di Sant'Elena, e ne fu profondamente emozionato. Significativo il suo commento…
"Che volete ? Era un uomo che bisognava ammirare senza poterlo amare…, il maggior tattico, il più infaticabile conquistatore, colla maggior qualità dell'uomo politico, il saper aspettare, il saper operare. La sua morte mi scosse, come al mondo venisse a mancare qualche elemento essenziale…, fui preso da smania di parlarne e dovetti buttar giù quest'ode, l'unica che, si può dire, improvvisassi in men di tre giorni. Ne vedevo i difetti ma sentivo tal agitazione, e tal bisogno di uscirne, di metterla via, che la mandai al censore.
Questi mi consigliò di non pubblicarla, ma dal suo stesso uffizio ne uscirono le prime copie a mano".
Parole illuminanti circa l'ispirazione dell'ode, il suo significato. In un impianto grandioso, come grandiosa è la vicenda cui si riferisce, la lirica ha un andamento insieme solenne e stringato, meditativo e di azione, tanto da far parlare di "taglio cinematografico" dei versi, per a loro vigoria e la capacità di sintesi con le quali i fatti sono delineati.
Alcuni critici hanno definito il "5 maggio" un esempio di "barocco" manzoniano, confortati in questo dalla osservazione di Francesco de Sanctis che, riferendosi all'ode, affermava appunto…
"Si tratta di fare con la parola quello che fa il pittore…non rompere le distanze, sopprimere i tempi, togliere le successione degli avvenimenti, fonderli, aggrupparli, e di tanti avvenimenti, diversi per tempi e per luoghi, formare uno solo che produca impressione istantanea".
Un ciclo storico si chiude… "5 maggio 1821". E il poeta Manzoni guarda ad esso con gli occhi della gente semplice, degli umili per i quali è cosa che lascia sbigottiti e pensierosi l'ascesa e il fulgore nella gloria dei potenti, e poi il loro crollo, la loro condanna a cadere nella polvere. Già qui si intravede quello che è il motivo dominante delle sue tragedie, e poi dei "Promessi Sposi"… la nemesi della storia.
Cresciuto in pieno clima romantico, il Manzoni sente profondamente il problema della storia…, che senso abbia la lunga serie di eventi in cui gli uomini, attraverso i secoli si agitano, lottano, costruiscono, si dilaniano, peccano, si redimono,scontano le loro colpe, questo lo preoccupa a fondo. In tutto ciò egli sente la presenza di qualcosa che tutto dirige e sovrasta… la mano di Dio, la provvidenza. Ed ecco che, in due tragedie, ci mostra come essa agisca.
La prima delle tragedie tratta di Francesco Bussone , detto il "Il Conte di Carmagnola"(1380-1432) e narra le vicende del famoso condottiero , capitano di ventura che fu prima al soldo del milanese Filippo Maria Visconti e poi, angustiato dall'ingratitudine di questi, al servizio della Repubblica di Venezia. E sotto le bandiere veneziane sconfisse il suo vecchio padrone, nella battaglia di Maclodio (17 ottobre 1427)..senonché, i veneziani lo accusarono di non aver saputo trarre dalla vittoria tutti i vantaggi possibili e lo sospettarono ingiustamente di una segreta intesa col Visconti, e per questo venne arrestato e fatto decapitare.
Accecato dalla fortuna, salito in alto per gloria e potenza, il Conte di Carmagnola finisce… come Napoleone… con il crollare miseramente…, ed è una grande lezione, poi, che di tante cose colpevole, egli muoia ucciso per una colpa che non ha, per un sospetto di tradimento.
La tragedia, teatralmente non molto riuscita, va anche famosa per il coro dedicato appunto alla battaglia di Maclodioe che inizia con i celeberrimi versi… "S'ode a destra uno squillo di tromba, a sinistra risponde uno squillo…" , versi in cui ci sono accenni di patriottismo che non sfuggirono allora.
Come la storia sia una inesorabile giustiziera il Manzoni ce lo dimostra anche e soprattutto con "L"Adelchi".
Qui è il mondo dell'alto medioevo che viene ripreso, il clima dei tempi di ferro della storia italiana. Il grande conflitto tra il papato e i Franchi (chiamati in Italia dalla corte romana) da un lato, e i longobardi dall'altro, travolge colpevoli e innocenti…, la giovane e dolce Ermengarda, il forte, leale e coraggioso Adelchi pagheranno con la vita il passato di violenze, di guerre, di usurpazioni della loro gente.
"L'Adelchi" è del 1822. In quegli anni, intanto, oltre ad altri scritti in prosa, scritti teorici come "La morale cattolica", il Manzoni ha già messo mano al suo romanzo, esemplificando qui, meglio che in ogni altra forma letteraria, le sue concezioni sulla storia e sugli uomini, in una narrazione distesa, dal respiro ampio e solenne.
Nel 1824 il primo tomo del romanzo passa in censura, nel 1825 comincia la stampa, col titolo di "Fermo e Lucia"…, l'opera completa è pronta nel 1827.
Da quell'anno, sarà, fino al 1840-1842, un continuo lavoro di rifinitura, di perfezionamento. Il titolo definitivo diventerà "I promessi sposi"…, la lingua si affinerà dopo un soggiorno fiorentino (a Firenze, il Manzoni conoscerà tra gli altri intellettuali locali, anche il Leopardi, che in una sua lettera esprimerà il suo parere favorevole sull'opera dello scrittore lombardo), le edizioni, in mille formati diversi, a dispense, in tomi illustrati, in tirature anche illegali.
Dei "Promessi sposi" ho fatto un'opinione a parte collegata a questa pagina.
Consegnata alle generazioni che stavano facendo il Risorgimento la sua grande opera… e il suo pubblico fu soprattutto fatto di lettori appartenenti ai ceti medi, alla borghesia liberale…, il Manzoni si ritirò sempre più nella sua vita solitaria e non produsse più nulla di importante.
La vena si inaridisce, il poeta decade, l'uomo è provato..., la vita del Manzoni viene colpita, con impressionante frequenza, da vicende dolorose, come la morte della moglie Enrichetta nel 1833, della madre nel 1841, della seconda moglie Teresa Borri Stampa nel 1861 e, infine, di ben sei figli, spentisi nel volgere di non molti anni.
Dopo i "promessi sposi" Manzoni cessa del tutto di occuparsi di poesia e di narrativa e rivolge i suoi interessi alla storia.
Infatti nel discorso "Del romanzo ed in genere de' componimenti misti di storia e d'invenzione" (pubblicato nel 1845) egli giunge a negare la validità del romanzo storico, ritenendo che non vi sia bisogno di ricorrere all'invenzione per apprendere ciò che solo la storia, in quanto tale, può farci apprendere nei suoi termini reali. E a questi convincimenti sono ispirate le opere si può dire conclusive della sua attività… "Storia della colonna infame" e il "Saggio comparativo sulla rivoluzione francese del 1789 e sulla rivoluzione italiana del 1859".
La "Storia della colonna infame" - il più interessante dei due scritti _ è dedicata al processo intentato contro gli "untori" (cioè i presunti propagatori della peste che colpì Milano nel 1630) in seguito al quale vennero condannati e crudelmente giustiziati i due supposti capi della congiura ("infame" venne chiamata appunto la colonna eretta sul luogo dove era stata abbattuta la casa di uno dei due, a ricordo dell'infamia da questi commessa e della giusta condanna). Manzoni, rivedendogli atti del processo, cercò di dimostrare l'innocenza dei due "untori", vittime dell'ignoranza, della superstizione popolare, della viltà dei giudici.
A questi scritti sono ancora da aggiungere gli appunti per un saggio mai portato a termine, dal titolo "Della lingua italiana" e una serie di dissertazioni, come le lettera a Giacinto Carena "Sulla lingua italiana" e la relazione al ministro Broglio sul tema "Dell'unità della lingua e dei mezzi per diffonderla" (1868).
Di lui rimase nella gente l'immagine bonaria e serena, quella eternata dal pittore Hayez nel famoso quadro.
Nel 1848 vide con sollievo l'insurrezione contro gli Austriaci, e parteggiò per i patrioti (il suo più giovane figlio fu fatto prigioniero, la mattina del 19 marzo, a Milano, e tradotto in carcere nel forte di Kufstein…, fu poi liberato in uno scambio di prigionieri)…, nel 1858, essendo gravemente ammalato, rifiutò di ricevere l'arciduca Massimiliano d'Austria recatosi da lui a chiedere personalmente sue notizie.Di idee liberali e ammiratore di Cavour, si dichiara contro il potere temporale della Chiesa e a favore di Roma capitale d'Italia.
Nominato senatore nel 1860, nel 1868 ebbe un incarico dal ministro Broglio per studiare provvedimenti atti "a rendere più universale in tutti gli ordini del popolo la notizia della buona lingua".
La sua lunga vita si conclude a Milano, il 22 maggio del 1873.
Cattolico liberale, Alessandro Manzoni fu il più insigne rappresentante della cultura italiana uscita dagli anni della rivoluzione e dell'età napoleonica…, egli, nella sua opera rappresenta il momento più alto raggiunto dalla coscienza della borghesia italiana nei confronti del problema nazionale che cessa di vedere in modo astratto e teorico, ma concepisce concretamente…, coi suoi scritti questa borghesia finisce con il rendersi conto delle condizioni di secolare arretratezza del paese. E tuttavia, appunto per le sue condizioni di classe, il Manzoni non riesce a dire una parola che sia il segno di una volontà e di una capacità di portare fino in fondo la rivoluzione intrapresa.
Sussiste in lui la diffidenza nei confronti delle forze popolari, di fronte alla cui iniziativa mantiene un atteggiamento paternalistico, allo scopo di conservare la propria posizione di superiorità. Per rendersi conto di questo, basta guardare al modo come è narrata la storia di Renzo e Lucia, come nel grande romanzo sono visti gli umili, come il distacco "paternalistico e padreternale" si senta continuamente , di pagina in pagina.



VEDI ANCHE . . .




Afrodisiaco (1) Aglietta (1) Albani (2) Alberti (1) Alda Merini (1) Alfieri (4) Altdorfer (2) Alvaro (1) Amore (2) Anarchici (1) Andersen (1) Andrea del Castagno (3) Andrea del Sarto (4) Andrea della Robbia (1) Anonimo (2) Anselmi (1) Antonello da Messina (4) Antropologia (7) APPELLO UMANITARIO (5) Apuleio (1) Architettura (4) Arcimboldo (1) Ariosto (4) Arnolfo di Cambio (2) Arp (1) Arte (4) Assisi (1) Astrattismo (3) Astrologia (1) Astronomia (3) Attila (1) Aulenti (1) Autori (7) Avanguardia (11) Averroè (1) Baccio della Porta (2) Bacone (2) Baldovinetti (1) Balla (1) Balzac (2) Barbara (1) Barocco (1) Baschenis (1) Baudelaire (2) Bayle (1) Bazille (4) Beato Angelico (6) Beccafumi (3) Befana (1) Bellonci (1) Bergson (1) Berkeley (2) Bernini (1) Bernstein (1) Bevilacqua (1) Biografie (11) Blake (2) Boccaccio (2) Boccioni (2) Böcklin (2) Body Art (1) Boiardo (1) Boito (1) Boldini (3) Bonheur (3) Bonnard (2) Borromini (1) Bosch (4) Botanica (1) Botticelli (7) Boucher (9) Bouts (2) Boyle (1) BR (1) Bramante (2) Brancati (1) Braque (1) Breton (3) Brill (2) Brontë (1) Bronzino (4) Bruegel il Vecchio (3) Brunelleschi (1) Bruno (2) Buddhismo (1) Buonarroti (1) Byron (2) Caillebotte (2) Calcio (1) Calvino (2) Calzature (1) Camillo Prampolini (1) Campanella (4) Campin (1) Canaletto (4) Cancro (2) Canova (2) Cantù (1) Capitalismo (3) Caravaggio (19) Carlevarijs (2) Carlo Levi (3) Carmi (1) Carpaccio (3) Carrà (1) Carracci (4) Carriere (1) Carroll (1) Cartesio (3) Casati (1) Cattaneo (1) Cattolici (1) Cavalcanti (1) Cellini (2) Cervantes (3) Cézanne (19) Chagall (3) Chardin (4) Chassériau (2) Chaucer (1) CHE GUEVARA (1) Cialente (1) Cicerone (8) Cimabue (4) Cino da Pistoia (1) Città del Vaticano (3) Clarke (1) Classici (26) Classicismo (1) Cleland (1) Collins (1) COMMUNITY (2) Comunismo (28) Condillac (1) Constable (4) Copernico (2) Corano (1) Cormon (2) Corot (9) Correggio (4) Cosmesi (1) Costa (1) Courbet (9) Cousin il giovane (2) Couture (2) Cranach (3) Crepuscolari (1) Crespi (2) Crespi detto il Cerano (1) Creta (2) Crispi (1) Cristianesimo (3) Crivelli (2) Croce (1) Cronin (1) Cubismo (1) CUCINA (9) Cucina friulana (2) D'Annunzio (1) Dadaismo (1) Dalì (5) Dalle Masegne (1) Dante Alighieri (8) Darwin (2) Daumier (6) DC (1) De Amicis (1) De Champaigne (2) De Chavannes (1) De Chirico (4) De Hooch (2) De La Tour (4) De Nittis (2) De Pisis (1) De' Roberti (2) Defoe (1) Degas (16) Del Piombo (4) Delacroix (6) Delaroche (2) Delaunay (2) Deledda (1) Dell’Abate (2) Derain (2) Descartes (2) Desiderio da Settignano (1) Dickens (8) Diderot (2) Disegni (2) Disegni da colorare (10) Disegni Personali (2) Disney (1) Dix (3) Doganiere (5) Domenichino (2) Donatello (4) Donne nella Storia (42) Dossi (1) Dostoevskij (7) DOTTRINE POLITICHE (75) Dova (1) Du Maurier (1) Dufy (3) Dumas (1) Duprè (1) Dürer (9) Dylan (2) Ebrei (9) ECONOMIA (7) Edda Ciano (1) Edison (1) Einstein (2) El Greco (9) Eliot (1) Elsheimer (2) Emil Zola (3) Energia alternativa (6) Engels (10) Ensor (3) Epicuro (1) Erasmo da Rotterdam (1) Erboristeria (7) Ernst (3) Erotico (1) Erotismo (4) Esenin (1) Espressionismo (3) Etruschi (1) Evangelisti (3) Fallaci (1) Fantin-Latour (1) Fascismo (26) Fattori (4) Faulkner (1) Fautrier (1) Fauvismo (1) FAVOLE (2) Fedro (1) FELICITÀ (1) Fenoglio (2) Ferragamo (1) FIABE (6) Fibonacci (1) Filarete (1) Filosofi (1) Filosofi - A (1) Filosofi - F (1) Filosofi - M (1) Filosofi - P (1) Filosofi - R (1) Filosofi - S (1) FILOSOFIA (55) Fini (1) Finkelstein (1) Firenze (1) Fisica (5) Fitoterapia (10) Fitzgerald (1) Fiume (1) Flandrin (1) Flaubert (4) Fogazzaro (2) Fontanesi (1) Foppa (1) Foscolo (6) Fougeron (1) Fouquet (4) Fra' Galgario (2) Fra' Guglielmo da Pisa (1) Fragonard (9) Frammenti (1) Francia (2) François Clouet (2) Freud (1) Friedrich (5) FRIULI (8) Futurismo (3) Gadda (2) Gainsborough (14) Galdieri (1) Galilei (2) Galleria degli Uffizi (1) Gamberelli (1) Garcia Lorca (1) Garcìa Lorca (1) Garibaldi (2) Gassendi (1) Gauguin (17) Gennaio (1) Gentile da Fabriano (2) Gentileschi (2) Gerard (1) Gérard (1) Gérard David (2) Géricault (7) Gérôme (2) Ghiberti (1) Ghirlandaio (2) Gialli (1) Giallo (1) Giambellino (1) Giambologna (1) Gianfrancesco da Tolmezzo (1) Gilbert (1) Ginzburg (1) Gioberti (1) Giordano (3) Giorgione (15) Giotto (12) Giovanni Bellini (10) Giovanni della Robbia (1) Giovanni XXIII (8) Giustizia (1) Glossario dell'arte (19) Gnocchi-Viani (1) Gobetti (1) Goethe (9) Gogol' (2) Goldoni (1) Gončarova (2) Gorkij (3) Gotico (1) Goya (11) Gozzano (2) Gozzoli (1) Gramsci (4) Grecia (2) Greene (1) Greuze (4) Grimm (2) Gris (2) Gros (7) Grosz (3) Grünewald (5) Guadagni (1) Guardi (6) Guercino (1) Guest (1) Guglielminetti (1) Guglielmo di Occam (1) Guinizelli (1) Gutenberg (2) Guttuso (4) Hals (3) Hawthorne (1) Hayez (4) Heckel (1) Hegel (6) Heine (1) Heinrich Mann (1) Helvétius (1) Hemingway (3) Henri Rousseau (3) Higgins (1) Hikmet (1) Hobbema (2) Hobbes (1) Hodler (1) Hogarth (4) Holbein il Giovane (4) Hugo (1) Hume (2) Huxley (1) Il Ponte (2) Iliade (1) Impressionismo (85) Indiani (1) Informale (1) Ingres (7) Invenzioni (31) Islam (5) Israele (1) ITALIA (2) Italo Svevo (5) Jacopo Bellini (4) Jacques-Louis David (9) James (1) Jean Clouet (2) Jean-Jacques Rousseau (3) Johns (1) Jordaens (2) Jovine (3) Kafka (3) Kandinskij (4) Kant (9) Kautsky (1) Keplero (1) Kierkegaard (1) Kipling (1) Kirchner (4) Klee (3) Klimt (4) Kollwitz (1) Kuliscioff (1) Labriola (2) Lancret (3) Land Art (1) Larsson (1) Lavoro (2) Le Nain (3) Le Sueur (2) Léger (2) Leggende (1) Leggende epiche (1) Leibniz (1) Lenin (7) Leonardo (43) Leopardi (3) Letteratura (22) Levi Montalcini (1) Liala (1) Liberalismo (1) LIBERTA' (28) LIBRI (23) Liotard (5) Lippi (5) Locke (4) Lombroso (1) Longhi (3) Lorenzetti (3) Lorenzo il Magnifico (1) Lorrain (5) Lotto (6) Luca della Robbia (1) Lucia Alberti (1) Lucrezio (2) Luini (2) Lutero (3) Macchiaioli (1) Machiavelli (10) Maderno (1) Magnasco (1) Magritte (4) Maimeri (1) Makarenko (1) Mallarmé (2) Manet (14) Mantegna (8) Manzoni (4) Maometto (4) Marcks (1) MARGHERITA HACK (1) Marquet (2) Martini (7) Marx (17) Marxismo (9) Masaccio (7) Masolino da Panicale (1) Massarenti (1) Masson (2) Matisse (6) Matteotti (2) Maupassant (1) Mauriac (1) Mazzini (5) Mazzucchelli detto il Morazzone (1) Medicina (4) Medicina alternativa (23) Medicina naturale (17) Meissonier (2) Melozzo da Forlì (2) Melville (1) Memling (4) Merimée (1) Metafisica (4) Metalli (1) Meynier (1) Micene (2) Michelangelo (11) Mickiewicz (1) Millais (1) Millet (4) Minguzzi (1) Mino da Fiesole (1) Miró (2) Mistero (10) Modigliani (4) Molinella (1) Mondrian (4) Monet (14) Montaigne (1) Montessori (2) Monti (3) Monticelli (2) Moore (1) Morandi (4) Moreau (4) Morelli (1) Moretto da Brescia (2) Morisot (3) Moroni (2) Morse (1) Mucchi (16) Munch (2) Murillo (4) Musica (14) Mussolini (5) Mussulmani (5) Napoleone (11) Natale (8) Nazismo (17) Némirovsky (1) Neo-impressionismo (3) Neoclassicismo (1) Neorealismo (1) Neruda (2) Newton (2) Nietzseche (1) Nievo (1) Nobel (1) Nolde (2) NOTIZIE (1) Nudi nell'arte (52) Odissea (1) Olocausto (6) Omeopatia (18) Omero (2) Onorata Società (1) Ortese (1) Oudry (1) Overbeck (2) Ovidio (1) Paganesimo (1) Palazzeschi (1) Palizzi (1) Palladio (1) Palma il Vecchio (1) Panama (1) Paolo Uccello (5) Parapsicologia (1) Parini (3) Parmigianino (3) Pascal (1) Pascoli (3) Pasolini (3) Pavese (3) Pedagogia (2) Pellizza da Volpedo (2) PERSONAGGI DEL FRIULI (30) Perugino (3) Petacci (1) Petrarca (4) Piazzetta (2) Picasso (8) Piero della Francesca (8) Piero di Cosimo (2) Pietro della Cortona (1) Pila (2) Pinturicchio (2) Pirandello (2) Pisanello (2) Pisano (1) Pissarro (10) Pitagora (1) Plechanov (1) Poe (1) Poesie (4) Poesie Classiche (18) POESIE di DONNE (2) Poesie personali (16) POETI CONTRO IL RAZZISMO (1) POETI CONTRO LA GUERRA (18) Poliziano (1) Pollaiolo (4) Pomodoro (1) Pomponazzi (1) Pontano (1) Pontormo (1) Pop Art (1) Poussin (9) Pratolini (1) Premi Letterari (3) Prévost (1) Primaticcio (2) Primo Levi (1) Problemi sociali (2) Procaccini (1) PROGRAMMI PC (1) Prostituzione (1) Psicoanalisi (1) PSICOLOGIA (5) Pubblicità (1) Pulci (1) Puntitismo (3) Puvis de Chavannes (1) Quadri (2) Quadri personali (1) Quarton (2) Quasimodo (1) Rabelais (1) Racconti (1) Racconti personali (1) Raffaello (20) Rasputin (1) Rauschenberg (1) Ravera (1) Ray (1) Razzismo (1) Realismo (3) Rebreanu (1) Recensione libri (15) Redon (1) Regina Bracchi (1) Religione (7) Rembrandt (10) Reni (4) Renoir (19) Resistenza (8) Ribera (4) RICETTE (3) Rimbaud (2) Rinascimento (3) RIVOLUZIONARI (55) Rococò (1) Roma (6) Romantici (1) Romanticismo (1) Romanzi (3) Romanzi rosa (1) Rossellino (1) Rossetti (1) Rosso Fiorentino (3) Rouault (1) Rousseau (3) Rovani (1) Rubens (13) Russo (1) Sacchetti (1) SAGGI (11) Salute (16) Salvator Rosa (2) San Francesco (5) Sannazaro (2) Santi (1) Sassetta (2) Scapigliatura (1) Scheffer (1) Schiele (3) Schmidt-Rottluff (1) Sciamanesimo (1) Sciascia (2) Scienza (8) Scienziati (13) Scipione (1) Scoperte (33) Scoto (1) Scott (1) Scrittori e Poeti (24) Scultori (2) Segantini (2) Sellitti (1) Seneca (2) Sereni (1) Sérusier (2) Sessualità (5) Seurat (3) Severini (1) Shaftesbury (1) Shoah (7) Signac (3) Signorelli (2) Signorini (1) Simbolismo (2) Sindacato (1) Sinha (1) Sironi (2) Sisley (3) Smith (1) Socialismo (45) Società segrete (1) Sociologia (4) Socrate (1) SOLDI (1) Soldi Internet (1) SOLIDARIETA' (6) Solimena (2) Solženicyn (1) Somerset Maugham (3) Sondaggi (1) Sorel (2) Soulages (1) Soulanges (2) Soutine (1) Spagna (1) Spagnoletto (4) Spaventa (1) Spinoza (2) Stampa (2) Steinbeck (1) Stendhal (1) Stevenson (4) Stilista (1) STORIA (68) Storia del Pensiero (81) Storia del teatro (1) Storia dell'arte (123) Storia della tecnica (24) Storia delle Religioni (47) Stubbs (1) Subleyras (2) Superstizione (1) Surrealismo (1) Swift (3) Tacca (1) Tacito (1) Tasca (1) Tasso (2) Tassoni (1) Ter Brugghen (2) Terapia naturale (18) Terracini (1) Thomas Mann (6) Tiepolo (4) Tina Modotti (1) Tintoretto (8) Tipografia (2) Tiziano (18) Togliatti (2) Toland (1) Tolstoj (2) Tomasi di Lampedusa (3) Toulouse-Lautrec (5) Tradizioni (1) Troyon (2) Tura (2) Turati (2) Turgenev (2) Turner (6) UDI (1) Ugrešić (1) Umanesimo (1) Umorismo (1) Ungaretti (3) Usi e Costumi (1) Valgimigli (2) Van Der Goes (3) Van der Weyden (4) Van Dyck (6) Van Eyck (8) Van Gogh (15) Van Honthors (2) Van Loo (2) Vangelo (3) Velàzquez (8) Veneziano (2) Verdura (1) Verga (10) Verismo (10) Verlaine (5) Vermeer (8) Vernet (1) Veronese (4) Verrocchio (2) VIAGGI (2) Viani (1) Vico (1) Video (13) Vigée­-Lebrun (2) VINI (3) Virgilio (3) Vittorini (2) Vivanti (1) Viviani (1) Vlaminck (1) Volta (2) Voltaire (2) Vouet (4) Vuillard (3) Warhol (1) Watson (1) Watteau (9) Wells (1) Wilde (1) Winterhalter (1) Witz (2) Wright (1) X X X da fare (34) Zurbarán (3)