martedì 18 dicembre 2007

X X X

Thomas Mann - Un grande saggio e amico di tutta l'umanità

L'OPERA di THOMAS MANN... e l'itinerario spirituale del grande scrittore tedesco da "I Buddenbrook" alla "Montagna incantata", all'ultimo romanzo "Doktor Faustus".


Thomas Mann è nato a Lubecca nel 1875 da una famiglia patrizia di quell'antica e solida borghesia che si era sviluppata nelle città della lega anseatica*, dove l'attività marinara assai florida dall'inizio dell'evo moderno aveva determinato il sorgere di una coscienza democratica e di un senso della responsabilità e dell'iniziativa individuale inconsueti nel resto della Germania.
Dopo essere stato impiegato in una società di assicurazioni egli si fissò a Monaco di Baviera, dove visse fino al 1933, prima come redattore del giornale umoristico "Simplizissimus", poi come scrittore indipendente. La sua opposizione al nazismo lo costrinse all'esilio in Svizzera e, dal 1939, in California. Dopo la seconda guerra mondiale, in seguito all'aggravarsi della situazione degli intellettuali negli Stati Uniti, ritornò in Svizzera.

Nella sua stessa famiglia Mann aveva potuto osservare come la grande epoca della borghesia, l'epoca dei creatori consapevoli e fieri della propria opera, fosse definitivamente tramontata. Nel suo primo romanzo, "I Buddenbrook" (1901), che diede improvvisa fama allo scrittore venticinquenne, egli non fece altro che descrivere con profondo realismo la situazione. Nella storia delle quattro generazioni di questa famiglia di commercianti di Lubecca si analizza spietatamente il progressivo decadere della borghesia…, la tradizione dei Buddenbrook, severi, patriarcali, orgogliosi della propria potenza, è passivamente conservata dagli eredi dubbiosi e sfiduciati, oppure rinnegata da personaggi che vogliono evadere in una vita zingaresca e si atteggiano a letterati da strapazzo, mentre l'onestà dei principî è sempre più insidiata dal sorgere degli avventurieri e degli speculatori. L'ultima generazione è rappresentata da un unico ragazzo, estremamente precoce e sensibile, che non resiste alla brutale disciplina del collegio e muore trascinando con sé le ultime speranze della famiglia.

Diversamente dal fratello Heinrich, di quattro anni più giovane di lui e anche egli romanziere notevole, il quale trovò ben presto, grazie soprattutto alla sua ammirazione per la Francia, la via degli ideali democratici, Thomas Mann viveva intensamente egli stesso la crisi della borghesia, e lo sconforto degli ultimi Buddenbrook è quindi anche il suo, corroborato dall'ammirazione per gli ideologi tedeschi del pessimismo e della decadenza (Schopenhauer, Nietzsche). Nelle sue opere posteriori, specialmente nella novella "Tonio Kröger" (1914), egli ha quindi insistito sul motivo dell'artista consapevole del suo allontanamento dalla vita e dalla società. Come alternativa a questa situazione egli non vedeva allora altro che il ricorso all'ideale prussiano dell'irrigidimento morale nel dovere, pur rendendosi conto che si trattava di un modo non di superare, ma di dimenticare la decadenza. Ciò lo indusse, negli anni della prima guerra mondiale, ad accostarsi alle dottrine del nazionalismo tedesco.

Sono gli anni del dopoguerra che determinano in Mann la conversione alla democrazia. Nella "Montagna incantata" (1924) egli ha fatto un bilancio dell'epoca cosiddetta della "sicurezza", che già contiene uno sguardo profetico verso l'avvenire. La montagna incantata è Davos, in Svizzera, nel cui celebre sanatorio si è recato un giovane tedesco di buona famiglia, Giovanni Castorp. Il suo intento è dapprima solo quello di visitare un cugino ammalato, ma l'atmosfera del sanatorio lo attira stranamente ed egli stesso si scopre malato e vi resta per qualche anno. Nel mondo sfaccendato e curioso del sanatorio i problemi della società hanno agio di riflettersi e di concentrarsi, staccati dai loro rapporti con la vita quotidiana, nelle interminabili discussioni dei malati. Castorp, privo di idee proprie, è esposto all'influsso di due inconciliabili avversari che lo suggestionano entrambi…, l'uno, l'italiano Settembrini, discendente della famosa famiglia dei patrioti, difende il liberismo ottocentesco, con la sua fede nel progresso illimitato e il suo violento anticlericalismo…, l'altro, il gesuita Naphta, irride alla teoria del progresso, che non è giustificata dai fatti, e sogna la restaurazione del potere universale della Chiesa onde introdurre un ordine immutabile di tipo medioevale, non senza il boia e il rogo. Essi rappresentano dunque i due opposti atteggiamenti ideologici della borghesia…, se l'ottimismo di Settembrini appare anacronistico nell'epoca delle contraddizioni imperialistiche e quindi può essere facilmente confutato da Naphta, il rimedio che costui contrappone al disordine sociale è l'immagine reazionaria del formicaio umano rigidamente organizzato dall'alto, con tutte le giustificazioni demagogiche e corporative che il fascismo farà proprie. Si capisce come Castorp esiti tra i due, trovando più simpatico Settembrini, ma più persuasivo Naphta, nonostante la ferocia delle sue concezioni. Lo scoppio della guerra, che lo porta, ormai guarito, dal sanatorio al fronte, lo coglie quindi maturato spiritualmente ma ancora passivo di fronte ai grandi avvenimenti dell'epoca.

E' solo verso il 1930 che Thomas Mann rende esplicita la sua scelta personale per la democrazia. Ma nel frattempo anche la borghesia aveva compiuto la sua scelta…, accortasi, dopo la rivoluzione russa, di non poter tutelare i propri interessi mantenendo fede agli ideali di Settembrini, essa andava precipitando verso l'oscurantismo di Naphta. Nel 1933, all'avvento del nazismo, Thomas Mann sceglieva subito l'opposizione divenendo uno dei più strenui campioni della lotta antifascista. Nella sua opera di scrittore egli ripiegò in un primo tempo sul passato. La fine della civiltà borghese in generale, con la sua affermazione della dignità dell'uomo e della cultura. E ricorse alla Bibbia, narrando in una grande opera in quattro parti la storia di "Giuseppe e i suoi fratelli" (1933 - 1944). Il semplice racconto biblico diventa qui una poderosa ricostruzione che abbraccia l'antico oriente…, Mann si diverte a ironizzare sulla storia sacra, ricondotta alle sue radici storiche e umane, ma solo per mostrare come le vicende e le battaglie dell'uomo siano ancora più belle, più veramente "religiose", quando si attribuiscono all'uomo stesso, e non al volere divino. Giuseppe è l'uomo creatore di civiltà, ma diviene tale solo attraverso profonde e talora terribili prove. I fratelli hanno voluto sbarazzarsi di lui gettandolo nella fossa, dove egli medita sul suo destino, e vendendolo come schiavo…, poi egli dovrà resistere ai tentativi di seduzione da parte della moglie Putifarre e agli intrighi della corte del Faraone. La saggezza acquisita attraverso queste esperienze lo indurrà a perdonare ai suoi fratelli e ad accoglierli insieme al padre nella terra di Gosen, dove essi fonderanno sotto la sua guida una società umana e civile.

Il nazismo portò Mann a ripensare al passato della Germania. Alle figure di Schopenhauer e di Nietzsche, che l'avevano tanto influenzato in gioventù, subentrava il più grande rappresentante dell'umanesimo tedesco… Goethe. Dopo avergli dedicato parecchi saggi, egli scriveva su di lui il romanzo "Carlotta a Weimar" (1939) in cui si immagina che una donna amata in gioventù da Goethe visitò molti anni più tardi il vecchio poeta carico di gloria. Mann ha così l'occasione di presentare plasticamente l'uomo Goethe, con la sua grandezza e le sue debolezze e con la sua acuta consapevolezza dei pericoli inerenti al carattere del proprio popolo.

Ma la catastrofe del nazismo permetteva ormai a Mann di ritornare al presente e di tracciare un bilancio della recente storia tedesca. Aveva appena finito "Giuseppe e i suoi fratelli" che già si accingeva al nuovo grande romanzo, "Doktor Faustus", pubblicato nel 1947. Il nuovo Faust che stringe un patto col diavolo è un musicista, Adriano Leverkühn. Ciò che il diavolo gli promette è il dono di interpretare nella musica tutte le disarmonie del mondo moderno, che essendo di natura diabolica può essere espresso solo col suo aiuto. In compenso Leverkühn dovrà rinunciare all'amore e sarà minato dalla malattia. E infatti egli scrive della musica piena di dissonanze (Mann si è ispirato alla musica dodecafonica di Shoenberg) che ha grande successo, ma si consuma in triste solitudine e tutti i suoi tentativi di legare a sé altri esseri umani vanno falliti. Particolarmente tragica è la fine di un nipotino che aveva accolto con sé e a cui si era morbosamente affezionato. A questo colpo la sua ragione non resiste. Davanti agli amici che aveva convocato ad ascoltare l'ultima opera da lui composta egli espone, già in preda al delirio, la sua vicenda di orgoglio e di colpa, e alla fine si abbatte sul pianoforte, stroncato dal male. I suoi ultimi anni trascorrono nella pazzia.
La storia di Leverkühn si immagina raccontata da un suo amico di infanzia che scrive durante la guerra e il disastro della Germania, ciò che permette a Mann di stabilire un costante legame tra le vicende individuali del musicista e il destino del suo paese. Questo legame dà un più ampio respiro ai problemi dell'attività artistica affrontati sin dal "Tonio Kröger"… la solitudine dell'artista, il suo distacco dalla vita, il suo rinchiudersi in forme inaccessibili al pubblico, sono visti ormai come la necessaria conseguenza dell'inumanità della società imperialistica, sfociante nel nazismo. L'artista vorrebbe sfuggire ad essa, ma non trovando appoggio negli uomini finisce anch'egli per creare qualche cosa di inumano e per anticipare nella sua catastrofe individuale la demenza collettiva del nazismo.

Non posso qui prendere in esame le opere minori di Mann, né i suoi scritti teorici di letteratura e di politica. Basti ricordare il suo atteggiamento favorevole ad ogni intesa tra i popoli e ostile all'anticomunismo preconcetto. Nel 1949, in occasione del bicentenario della nascita di Goethe, egli commemorò il suo grande maestro sia nella Germania Occidentale che nella Repubblica Democratica Tedesca, e più tardi non mancò di riaffermare la sua assoluta mancanza di pregiudizi nei confronti di quest'ultima. I reazionari tedeschi non seppero naturalmente rendersi conto di tale posizione e si scagliarono ripetutamente contro Mann. Eppure egli era tutt'altro che un "criptocomunista"…, si definì anzi un conservatore…, se non ché per lui il vero conservatore era solo colui che… "desidera mantenere e conservare la nostra civiltà contro le catastrofi che la minacciano e che equivarrebbero al suo annientamento".
Si capisce come questo "conservatorismo" non abbia niente a che vedere con quello di chi vuol conservare, e a qualsiasi costo, i privilegi delle classi dirigenti.

Thomas Mann ricevette il premio Nobel nel 1929. Morì a Zurigo il 12 agosto del 1955.

*

Hansa è il nome con cui si indicano genericamente le unioni di commercianti che si svilupparono in vari paesi dell'Europa settentrionale durante il medioevo, con lo scopo precipuo di conquistare il monopolio di taluni mercati e di diminuire i rischi individuali. La più importante fra di esse per l'ampiezza della sua rete fu la Hansa tedesca (lega anseatica). Si disgregò completamente nel corso del XVII secolo.

*

VEDI ANCHE ...


LA MONTAGNA INCANTATA (Der Zauberberg) - Thomas Mann

LA MORTE A VENEZIA (Der Tod in Venedig) - Thomas Mann

GIUSEPPE E I SUOI FRATELLI - Thomas Mann

DOKTOR FAUSTUS - Thomas Mann

CONFESSIONI DEL CAVALIERE D'INDUSTRIA FELIX KRULL - Thomas Mann

________________________________________________________
Afrodisiaco (1) Aglietta (1) Albani (2) Alberti (1) Alda Merini (1) Alfieri (4) Altdorfer (2) Alvaro (1) Amore (2) Anarchici (1) Andersen (1) Andrea del Castagno (3) Andrea del Sarto (4) Andrea della Robbia (1) Anonimo (2) Anselmi (1) Antonello da Messina (4) Antropologia (7) APPELLO UMANITARIO (5) Apuleio (1) Architettura (4) Arcimboldo (1) Ariosto (4) Arnolfo di Cambio (2) Arp (1) Arte (4) Assisi (1) Astrattismo (3) Astrologia (1) Astronomia (3) Attila (1) Aulenti (1) Autori (7) Avanguardia (11) Averroè (1) Baccio della Porta (2) Bacone (2) Baldovinetti (1) Balla (1) Balzac (2) Barbara (1) Barocco (1) Baschenis (1) Baudelaire (2) Bayle (1) Bazille (4) Beato Angelico (6) Beccafumi (3) Befana (1) Bellonci (1) Bergson (1) Berkeley (2) Bernini (1) Bernstein (1) Bevilacqua (1) Biografie (11) Blake (2) Boccaccio (2) Boccioni (2) Böcklin (2) Body Art (1) Boiardo (1) Boito (1) Boldini (3) Bonheur (3) Bonnard (2) Borromini (1) Bosch (4) Botanica (1) Botticelli (7) Boucher (9) Bouts (2) Boyle (1) BR (1) Bramante (2) Brancati (1) Braque (1) Breton (3) Brill (2) Brontë (1) Bronzino (4) Bruegel il Vecchio (3) Brunelleschi (1) Bruno (2) Buddhismo (1) Buonarroti (1) Byron (2) Caillebotte (2) Calcio (1) Calvino (2) Calzature (1) Camillo Prampolini (1) Campanella (4) Campin (1) Canaletto (4) Cancro (2) Canova (2) Cantù (1) Capitalismo (3) Caravaggio (19) Carlevarijs (2) Carlo Levi (3) Carmi (1) Carpaccio (3) Carrà (1) Carracci (4) Carriere (1) Carroll (1) Cartesio (3) Casati (1) Cattaneo (1) Cattolici (1) Cavalcanti (1) Cellini (2) Cervantes (3) Cézanne (19) Chagall (3) Chardin (4) Chassériau (2) Chaucer (1) CHE GUEVARA (1) Cialente (1) Cicerone (8) Cimabue (4) Cino da Pistoia (1) Città del Vaticano (3) Clarke (1) Classici (26) Classicismo (1) Cleland (1) Collins (1) COMMUNITY (2) Comunismo (28) Condillac (1) Constable (4) Copernico (2) Corano (1) Cormon (2) Corot (9) Correggio (4) Cosmesi (1) Costa (1) Courbet (9) Cousin il giovane (2) Couture (2) Cranach (3) Crepuscolari (1) Crespi (2) Crespi detto il Cerano (1) Creta (2) Crispi (1) Cristianesimo (3) Crivelli (2) Croce (1) Cronin (1) Cubismo (1) CUCINA (9) Cucina friulana (2) D'Annunzio (1) Dadaismo (1) Dalì (5) Dalle Masegne (1) Dante Alighieri (8) Darwin (2) Daumier (6) DC (1) De Amicis (1) De Champaigne (2) De Chavannes (1) De Chirico (4) De Hooch (2) De La Tour (4) De Nittis (2) De Pisis (1) De' Roberti (2) Defoe (1) Degas (16) Del Piombo (4) Delacroix (6) Delaroche (2) Delaunay (2) Deledda (1) Dell’Abate (2) Derain (2) Descartes (2) Desiderio da Settignano (1) Dickens (8) Diderot (2) Disegni (2) Disegni da colorare (10) Disegni Personali (2) Disney (1) Dix (3) Doganiere (5) Domenichino (2) Donatello (4) Donne nella Storia (42) Dossi (1) Dostoevskij (7) DOTTRINE POLITICHE (75) Dova (1) Du Maurier (1) Dufy (3) Dumas (1) Duprè (1) Dürer (9) Dylan (2) Ebrei (9) ECONOMIA (7) Edda Ciano (1) Edison (1) Einstein (2) El Greco (9) Eliot (1) Elsheimer (2) Emil Zola (3) Energia alternativa (6) Engels (10) Ensor (3) Epicuro (1) Erasmo da Rotterdam (1) Erboristeria (7) Ernst (3) Erotico (1) Erotismo (4) Esenin (1) Espressionismo (3) Etruschi (1) Evangelisti (3) Fallaci (1) Fantin-Latour (1) Fascismo (26) Fattori (4) Faulkner (1) Fautrier (1) Fauvismo (1) FAVOLE (2) Fedro (1) FELICITÀ (1) Fenoglio (2) Ferragamo (1) FIABE (6) Fibonacci (1) Filarete (1) Filosofi (1) Filosofi - A (1) Filosofi - F (1) Filosofi - M (1) Filosofi - P (1) Filosofi - R (1) Filosofi - S (1) FILOSOFIA (55) Fini (1) Finkelstein (1) Firenze (1) Fisica (5) Fitoterapia (10) Fitzgerald (1) Fiume (1) Flandrin (1) Flaubert (4) Fogazzaro (2) Fontanesi (1) Foppa (1) Foscolo (6) Fougeron (1) Fouquet (4) Fra' Galgario (2) Fra' Guglielmo da Pisa (1) Fragonard (9) Frammenti (1) Francia (2) François Clouet (2) Freud (1) Friedrich (5) FRIULI (8) Futurismo (3) Gadda (2) Gainsborough (14) Galdieri (1) Galilei (2) Galleria degli Uffizi (1) Gamberelli (1) Garcia Lorca (1) Garcìa Lorca (1) Garibaldi (2) Gassendi (1) Gauguin (17) Gennaio (1) Gentile da Fabriano (2) Gentileschi (2) Gerard (1) Gérard (1) Gérard David (2) Géricault (7) Gérôme (2) Ghiberti (1) Ghirlandaio (2) Gialli (1) Giallo (1) Giambellino (1) Giambologna (1) Gianfrancesco da Tolmezzo (1) Gilbert (1) Ginzburg (1) Gioberti (1) Giordano (3) Giorgione (15) Giotto (12) Giovanni Bellini (10) Giovanni della Robbia (1) Giovanni XXIII (8) Giustizia (1) Glossario dell'arte (19) Gnocchi-Viani (1) Gobetti (1) Goethe (9) Gogol' (2) Goldoni (1) Gončarova (2) Gorkij (3) Gotico (1) Goya (11) Gozzano (2) Gozzoli (1) Gramsci (4) Grecia (2) Greene (1) Greuze (4) Grimm (2) Gris (2) Gros (7) Grosz (3) Grünewald (5) Guadagni (1) Guardi (6) Guercino (1) Guest (1) Guglielminetti (1) Guglielmo di Occam (1) Guinizelli (1) Gutenberg (2) Guttuso (4) Hals (3) Hawthorne (1) Hayez (4) Heckel (1) Hegel (6) Heine (1) Heinrich Mann (1) Helvétius (1) Hemingway (3) Henri Rousseau (3) Higgins (1) Hikmet (1) Hobbema (2) Hobbes (1) Hodler (1) Hogarth (4) Holbein il Giovane (4) Hugo (1) Hume (2) Huxley (1) Il Ponte (2) Iliade (1) Impressionismo (85) Indiani (1) Informale (1) Ingres (7) Invenzioni (31) Islam (5) Israele (1) ITALIA (2) Italo Svevo (5) Jacopo Bellini (4) Jacques-Louis David (9) James (1) Jean Clouet (2) Jean-Jacques Rousseau (3) Johns (1) Jordaens (2) Jovine (3) Kafka (3) Kandinskij (4) Kant (9) Kautsky (1) Keplero (1) Kierkegaard (1) Kipling (1) Kirchner (4) Klee (3) Klimt (4) Kollwitz (1) Kuliscioff (1) Labriola (2) Lancret (3) Land Art (1) Larsson (1) Lavoro (2) Le Nain (3) Le Sueur (2) Léger (2) Leggende (1) Leggende epiche (1) Leibniz (1) Lenin (7) Leonardo (43) Leopardi (3) Letteratura (22) Levi Montalcini (1) Liala (1) Liberalismo (1) LIBERTA' (28) LIBRI (23) Liotard (5) Lippi (5) Locke (4) Lombroso (1) Longhi (3) Lorenzetti (3) Lorenzo il Magnifico (1) Lorrain (5) Lotto (6) Luca della Robbia (1) Lucia Alberti (1) Lucrezio (2) Luini (2) Lutero (3) Macchiaioli (1) Machiavelli (10) Maderno (1) Magnasco (1) Magritte (4) Maimeri (1) Makarenko (1) Mallarmé (2) Manet (14) Mantegna (8) Manzoni (4) Maometto (4) Marcks (1) MARGHERITA HACK (1) Marquet (2) Martini (7) Marx (17) Marxismo (9) Masaccio (7) Masolino da Panicale (1) Massarenti (1) Masson (2) Matisse (6) Matteotti (2) Maupassant (1) Mauriac (1) Mazzini (5) Mazzucchelli detto il Morazzone (1) Medicina (4) Medicina alternativa (23) Medicina naturale (17) Meissonier (2) Melozzo da Forlì (2) Melville (1) Memling (4) Merimée (1) Metafisica (4) Metalli (1) Meynier (1) Micene (2) Michelangelo (11) Mickiewicz (1) Millais (1) Millet (4) Minguzzi (1) Mino da Fiesole (1) Miró (2) Mistero (10) Modigliani (4) Molinella (1) Mondrian (4) Monet (14) Montaigne (1) Montessori (2) Monti (3) Monticelli (2) Moore (1) Morandi (4) Moreau (4) Morelli (1) Moretto da Brescia (2) Morisot (3) Moroni (2) Morse (1) Mucchi (16) Munch (2) Murillo (4) Musica (14) Mussolini (5) Mussulmani (5) Napoleone (11) Natale (8) Nazismo (17) Némirovsky (1) Neo-impressionismo (3) Neoclassicismo (1) Neorealismo (1) Neruda (2) Newton (2) Nietzseche (1) Nievo (1) Nobel (1) Nolde (2) NOTIZIE (1) Nudi nell'arte (52) Odissea (1) Olocausto (6) Omeopatia (18) Omero (2) Onorata Società (1) Ortese (1) Oudry (1) Overbeck (2) Ovidio (1) Paganesimo (1) Palazzeschi (1) Palizzi (1) Palladio (1) Palma il Vecchio (1) Panama (1) Paolo Uccello (5) Parapsicologia (1) Parini (3) Parmigianino (3) Pascal (1) Pascoli (3) Pasolini (3) Pavese (3) Pedagogia (2) Pellizza da Volpedo (2) PERSONAGGI DEL FRIULI (30) Perugino (3) Petacci (1) Petrarca (4) Piazzetta (2) Picasso (8) Piero della Francesca (8) Piero di Cosimo (2) Pietro della Cortona (1) Pila (2) Pinturicchio (2) Pirandello (2) Pisanello (2) Pisano (1) Pissarro (10) Pitagora (1) Plechanov (1) Poe (1) Poesie (4) Poesie Classiche (18) POESIE di DONNE (2) Poesie personali (16) POETI CONTRO IL RAZZISMO (1) POETI CONTRO LA GUERRA (18) Poliziano (1) Pollaiolo (4) Pomodoro (1) Pomponazzi (1) Pontano (1) Pontormo (1) Pop Art (1) Poussin (9) Pratolini (1) Premi Letterari (3) Prévost (1) Primaticcio (2) Primo Levi (1) Problemi sociali (2) Procaccini (1) PROGRAMMI PC (1) Prostituzione (1) Psicoanalisi (1) PSICOLOGIA (5) Pubblicità (1) Pulci (1) Puntitismo (3) Puvis de Chavannes (1) Quadri (2) Quadri personali (1) Quarton (2) Quasimodo (1) Rabelais (1) Racconti (1) Racconti personali (1) Raffaello (20) Rasputin (1) Rauschenberg (1) Ravera (1) Ray (1) Razzismo (1) Realismo (3) Rebreanu (1) Recensione libri (15) Redon (1) Regina Bracchi (1) Religione (7) Rembrandt (10) Reni (4) Renoir (19) Resistenza (8) Ribera (4) RICETTE (3) Rimbaud (2) Rinascimento (3) RIVOLUZIONARI (55) Rococò (1) Roma (6) Romantici (1) Romanticismo (1) Romanzi (3) Romanzi rosa (1) Rossellino (1) Rossetti (1) Rosso Fiorentino (3) Rouault (1) Rousseau (3) Rovani (1) Rubens (13) Russo (1) Sacchetti (1) SAGGI (11) Salute (16) Salvator Rosa (2) San Francesco (5) Sannazaro (2) Santi (1) Sassetta (2) Scapigliatura (1) Scheffer (1) Schiele (3) Schmidt-Rottluff (1) Sciamanesimo (1) Sciascia (2) Scienza (8) Scienziati (13) Scipione (1) Scoperte (33) Scoto (1) Scott (1) Scrittori e Poeti (24) Scultori (2) Segantini (2) Sellitti (1) Seneca (2) Sereni (1) Sérusier (2) Sessualità (5) Seurat (3) Severini (1) Shaftesbury (1) Shoah (7) Signac (3) Signorelli (2) Signorini (1) Simbolismo (2) Sindacato (1) Sinha (1) Sironi (2) Sisley (3) Smith (1) Socialismo (45) Società segrete (1) Sociologia (4) Socrate (1) SOLDI (1) Soldi Internet (1) SOLIDARIETA' (6) Solimena (2) Solženicyn (1) Somerset Maugham (3) Sondaggi (1) Sorel (2) Soulages (1) Soulanges (2) Soutine (1) Spagna (1) Spagnoletto (4) Spaventa (1) Spinoza (2) Stampa (2) Steinbeck (1) Stendhal (1) Stevenson (4) Stilista (1) STORIA (68) Storia del Pensiero (81) Storia del teatro (1) Storia dell'arte (123) Storia della tecnica (24) Storia delle Religioni (47) Stubbs (1) Subleyras (2) Superstizione (1) Surrealismo (1) Swift (3) Tacca (1) Tacito (1) Tasca (1) Tasso (2) Tassoni (1) Ter Brugghen (2) Terapia naturale (18) Terracini (1) Thomas Mann (6) Tiepolo (4) Tina Modotti (1) Tintoretto (8) Tipografia (2) Tiziano (18) Togliatti (2) Toland (1) Tolstoj (2) Tomasi di Lampedusa (3) Toulouse-Lautrec (5) Tradizioni (1) Troyon (2) Tura (2) Turati (2) Turgenev (2) Turner (6) UDI (1) Ugrešić (1) Umanesimo (1) Umorismo (1) Ungaretti (3) Usi e Costumi (1) Valgimigli (2) Van Der Goes (3) Van der Weyden (4) Van Dyck (6) Van Eyck (8) Van Gogh (15) Van Honthors (2) Van Loo (2) Vangelo (3) Velàzquez (8) Veneziano (2) Verdura (1) Verga (10) Verismo (10) Verlaine (5) Vermeer (8) Vernet (1) Veronese (4) Verrocchio (2) VIAGGI (2) Viani (1) Vico (1) Video (13) Vigée­-Lebrun (2) VINI (3) Virgilio (3) Vittorini (2) Vivanti (1) Viviani (1) Vlaminck (1) Volta (2) Voltaire (2) Vouet (4) Vuillard (3) Warhol (1) Watson (1) Watteau (9) Wells (1) Wilde (1) Winterhalter (1) Witz (2) Wright (1) X X X da fare (34) Zurbarán (3)